QR code per la pagina originale

Google Friend Connect migliora AdSense

Google Friend Connect offrirà d'ora in poi nuovi vantaggi tanto ai navigatori che hanno abilitato il proprio profilo, quanto ai gestori dei siti web. Novità, soprattutto, in tema AdSense: le pubblicità saranno ottimizzate sui profili degli utenti connessi

,

Per fare in modo di convincere l’utenza ad adottare Google Friend Connect, il team di Mountain View sta introducendo tutta una serie di novità tali per cui l’utilizzo del sistema di autenticazione Google possa offrire vantaggi nel sistema tanto dalla parte del visitatore, quanto dalla parte del gestore del sito. Così facendo Google conta di battere la concorrenza di Facebook Connect, il sistema che sta proponendo all’utenza un sistema di autenticazione utile a riversare sul social network le proprie attività compiute al di fuori dello stesso.

I vantaggi per l’utente di passaggio appaiono relativi (sebbene nella propria presentazione Google promuova l’idea di un sito web di servizio come un riferimento attorno al quale può venirsi a formare una community). Google Friend Connect tenta di mettere in modo un processo “social” per tessere relazioni basate su interessi comuni, oppure esperienze personalizzate all’interno del sito. Per chi gestisce il sito Web l’uso di Google Friend Connect offre invece maggiori vantaggi, quali ad esempio la possibilità di utilizzare la messaggeria e le opzioni di fidelizzazione offerte dal sistema (newsletter, raccomandazioni), oppure veri e propri widget da includere all’interno del sito. L’uso del codice è reso estremamente semplice dal pannello di gestione dedicato, il che permette una facile adozione di Friends Connect anche da parte di chi non ha particolari capacità di programmazione (sono sufficienti semplici copia/incolla).

Un video riassuntivo sulle nuove funzionalità introdotte è stato messo a disposizione sul canale “GoogleDeveloper” di YouTube:

Una delle caratteristiche di maggior interesse è però relativa ad AdSense. L’uso di Friend Connect, infatti, permette di profilare gli utenti fino a renderne possibile una pubblicità basata sugli interessi che essi stessi dichiarano attraverso il proprio profilo. Così facendo, le pubblicità possono essere proposte in modo molto più mirato, offrendo un vantaggio conseguente tanto all’inserzionista, quanto all’editore, quanto ancora a Google: ogni click genera valore per tutte le parti coinvolte. Google, peraltro, conta di abilitare l’uso di tale opzione anche su AdSense integrando le varie piattaforme (Blogger, AdSense, Friend Connect) al fine di facilitare in ogni modo l’incontro con gli interessi dell’utenza e la monetizzazione conseguente da parte del gruppo.

Secondo i dati diffusi, Google Friend Connect è oggi in uso su 9 milioni di siti Web.

Notizie su: