QR code per la pagina originale

iTunes Replay: tra cloud e realtà

iTunes Replay potrebbe essere il primo passo verso una dimensione "cloud" dello store: lo stesso film, ad esempio, potrebbe essere fruito più volte.

,

AppAdvice se ne dice certo sulla base di fonti che confermano la bontà dell’indiscrezione: Apple sta per lanciare iTunes Replay, una nuova funzionalità che consentirà agli utenti di godere più e più volte dei contenuti acquistati dallo store online per musica, video e programmi tv.

Che l’evoluzione cloud sia inevitabile è ormai cosa assodata, ma ancora non è chiaro come Apple vorrà dar forma alla propria offerta. Negli ultimi giorni i primi indizi hanno iniziato ad essere lasciati sul terreno: dapprima il lancio di iCloud.com, quindi il software update rilasciato per le Apple Tv. Ora l’evoluzione tracciata potrebbe vivere una nuova tappa, identificata in una offerta “cloud” con cui il gruppo cambia alla radice il concetto di proprietà di un contenuto.

iTunes Replay consentirebbe in linea teorica di poter godere più volte del medesimo film. Una volta acquistato, insomma, vi si potrà accedere da più dispositivi ed in più riprese, scaricandolo ogni volta direttamente dal server di Cupertino. La formula non è però del tutto chiara ed anche AppAdvice si dice impossibilitato ad offrire ulteriori dettagli: alcuni contenuti potrebbero veder limitato il numero delle fruizioni possibili ed al tempo stesso non è chiaro come e se l’opzione streaming possa essere annoverata nel progetto.

“iTunes Replay” è un nome che ruota da tempo negli ambienti Apple così come sono ormai anni che l’azienda prepara la propria avventura in salsa cloud. iCloud è il tassello che potrebbe sbloccare definitivamente la situazione con il placet delle case discografiche, ma al momento oltre ad un nome possibile non trapela null’altro: il cloud si fa largo all’orizzonte di iTunes, ma il modo in cui vi si arriverà non è al momento chiaro. I tempi sono tuttavia stretti: entro poche settimane iTunes Replay potrebbe vedere la luce.

Fonte: AppAdvice • Via: ArsTechnica • Notizie su: ,