QR code per la pagina originale

Apple, ecco l’iPhone 4S

Apple conferma l'esistenza dell'iPhone 4S. Più veloce, più funzionale e complessivamente migliore del suo fratello maggiore.

,

Erano attese novità sul fronte iPhone dal keynote di Apple al campus di Cupertino, e puntuali sono arrivate. Il colosso statunitense ha tolto il velo sull’iPhone 4S, cui voci sulla sua esistenza avevano praticamente trovato conferma poco prima l’inizio dell’evento. Nessuna novità invece per quanto riguarda il tanto atteso iPhone 5, acclamato da più parti con tanto di foto volte a dimostrare l’esistenza di un device dalla forma e dall’essenza diversa rispetto al passato ma mai giunto sul palcoscenico.

Rispetto il semi-omonimo fratello maggiore, il modello 4S sarà dotato di processore A5 dual-core in grado di offrire prestazioni grafiche sette volte superiori al predecessore. Il dispositivo presenta dunque migliorie su tutti gli aspetti: maggiore durata della batteria, migliore qualità del segnale durante le chiamate e persino un raddoppio della velocità di download dei dati dal network, adesso a 14,4 Mbps.

La gestione delle immagini viene adesso affidata ad un nuovo processore, il quale darà l’opportunità di migliorare di netto le prestazioni in fase di scatto e peraltro usufruire di un apposito software di riconoscimento facciale. Si potranno registrare anche filmati in Full HD a 1080p, con stabilizzazione delle immagini. Il rumore nelle foto verrà poi rimosso in tempo reale, garantendo di fatto immagini di maggiore qualità senza dover lavorare in post-produzione. La risoluzione del sensore sale da 5 a 8 megapixel.

Interessante è l’introduzione della funzionalità Siri, un applicativo di riconoscimento vocale che eseguirà comandi vocali esclusivamente con la voce dell’utente. Inoltre, Siri potrà mostrare le condizioni meteorologiche, impostare una sveglia, aggiungere un appuntamento al calendario, calcolare la rotta verso un luogo nel mondo, mostrare il fuso orario mondiale ed eseguire altri compiti. Inizialmente sarà disponibile tuttavia soltanto in inglese, francese e tedesco.

iPhone 4S sarà disponibile negli Stati Uniti e in Canada dal 14 ottobre, mentre le prenotazioni partiranno sette giorni prima ad un prezzo di 199 dollari per il modello 16 GB, 299 per quello da 32 e 399 infine per il device con 64 GB di memoria interna. Altri 22 paesi vedranno l’arrivo del nuovo Melafonino (Italia compresa) a partire dal 28 ottobre. Il costo è  riferito ad un acquisto con contratto biennale. Scendono inoltre i prezzi dei modelli precedenti: sempre sotto contratto, l’iPhone 3GS sarà ceduto gratis, mentre l’iPhone 4 costerà 99 dollari.

Notizie su
Commenta e partecipa alle discussioni
  • 04/10/2011 alle 19:01 #152980

    Apple conferma l’esistenza dell’iPhone 4S. Più veloce, più funzionale e complessivamente migliore del suo fratello maggiore.

    Leggi la notizia: Apple, ecco l’iPhone 4S

    04/10/2011 alle 19:14 #226506

    Artist
    Participant

    non credo il pubblico apprezzerà!

    04/10/2011 alle 19:15 #226507

    Frank
    Participant

    la mela verrà divorata dal gelato-robottino 

    04/10/2011 alle 19:29 #226508

    Raffaele
    Membro

    non sono d’accordo: che non esistesse un iphone 5 era chiaro, fanno sempre una versione intermedia tra un modello e l’altro. rimane il fatto che con questo modello si sono solo portati alla pari di alcuni device con android. per me li venderanno pochi… non ha senso scegliere un 4s in luogo di un 4.

    04/10/2011 alle 20:00 #226509

    Andrea
    Participant

    ne venderanno tanti solo per il nome.,.. beh alla fine hanno rispettato le previsioni… un telefono nuovo e “leggermente” migliore, anche se appena appena alla pari di molti altri già in commercio da tempo… e telefoni più economici.. si!! quelli vecchi!!!!!!!!!! 
    buono no? svuotiamo i magazzini, tanto ci sarà sempre tanta gente che li compra per il nome!!!!
    però hanno sbagliato una cosa! non dovevano farlo esteticamente identico! come fa uno a tirarsela perchè ha quello nuovo?????

  • Ci sono altri 2 commenti. Leggili nelle Discussioni di Webnews.