QR code per la pagina originale

Che ora è? Te lo dice l’ICANN

L'ICANN ha preso in gestione il database del Time Zone, che curerà nel corso dei prossimi anni per garantire l'ora esatta in tutto il mondo.

,

Un nuovo compito entra a far parte delle mansioni dell’Internet Corporation for Assigned Names and Numbers, meglio nota come ICANN: oltre ad occuparsi della gestione dei nomi a dominio in Internet, infatti, avrà la responsabilità di mantenere sempre attivo ed efficiente il database mondiale del fuso orario, raccogliendo l’eredità lasciata dal gruppo di volontari che per circa 30 anni ne ha curato ogni aspetto.

Il passaggio di testimone avviene a distanza di diversi giorni dalla nascita di una controversia legale che ha portato tale database ad essere espulso dai server governativi degli Stati Uniti a causa di una possibile violazione di copyright. Nonostante ciò, il database Time Zone ha continuato a funzionare, permettendo a tutte le società ed i servizi che ne fanno uso di conoscere l’ora esatta in ogni angolo del mondo, in tempo reale, semplicemente facendone richiesta tramite il web.

Tale database risulta infatti di fondamentale importanza non solo in Internet, ma anche in numerosissime attività quotidiane: gran parte delle aziende a livello mondiale fanno riferimento a tale archivio per prelevare informazioni sull’ora esatta, utilizzata successivamente per fornire servizi ai propri clienti quali la prenotazione di voli aerei, la spedizione di pacchi tramite corriere ed ogni altra attività che necessita di essere schedulata in tempo. Allo stesso modo risultano legati a doppio filo con tale archivio sia i principali produttori di sistemi operativi e soluzioni software (Unix, OS X, Java ed Oracle rappresentano soltanto alcuni dei più celebri esempi) che le agenzie scientifiche di tutto il mondo.

Il database necessita dunque di una continua manutenzione per far sì che istante per istante vengano fornite informazioni corrette in tutto il mondo, con circa una decina di aggiornamenti effettuati dagli addetti ai lavori durante tutto l’anno. Aggiornamenti che da ora saranno eseguiti dai tecnici dell’ICANN, che già da diverso tempo ha richiesto di poter gestire il database del fuso orario e che vede ora accontentate le proprie volontà.

Fonte: ICANN • Immagine: cogdogblog • Notizie su: