QR code per la pagina originale

Asus, il 2012 sarà l’anno dei tablet

Nel 2012 la spedizione dei netbook verrà ridotta in favore di una maggiore produzione di tavolette digitali: il percorso è segnato.

,

Per Asus il mercato dei netbook rappresenta ancora un importante business, tanto che l’azienda prevede di spedire 4,8 milioni di netbook entro la fine del 2011, mentre la cifra dei tablet si fermerà a 1,8 milioni di unità. Il trend tenderà però a cambiare già dal prossimo anno, quando la probabile uscita di produzione dei netbook lascerà spazio alle tavole digitali.

La fortuna di Asus nel mercato dei piccoli computer portatili è dovuta principalmente al modello Eee PC, amato da una moltitudine eterogenea di consumatori. Il segreto del suo successo è rappresentato da un prezzo concorrenziale, una grande disponibilità di unità e buone specifiche tecniche. Fino al 2010 l’Eee PC possedeva il 20% del segmento di mercato e si stima che Asus avesse spedito dai 6 agli 8 milioni di unità solo in quell’anno.

Tuttavia, la drastica diminuzione delle cifre è chiaro sintomo che il device sta per lasciare il mercato in favore di altre tipologie di computer portatili, come gli ultrabook e i tablet. Proprio al CES 2011, infatti, Asus aveva annunciato l’arrivo sul mercato di un modello tablet, l’Eee Pad Transformer. Un dispositivo dotato di caratteristiche tecniche impressionati. Oltre a questo, l’azienda ha introdotto altre due tavolette digitali lo stesso anno: l’Eee Pad Slider e il nuovissimo Transformer Prime.

Le spedizioni di tavole digitali nel prossimo anno sono destinata a salire, raggiungendo i 3 milioni, in concomitanza con la diminuzione della produzione dei netbook. L’azienda Taiwanese ha dichiarato che, per il prossimo anno, prevede di superare la produzione di Samsung relativa ai Galaxy Tab in tutte le loro varianti. Se Asus riesce a centrare i suoi obiettivi, il passaggio fra netbook e tablet dovrebbe essere meno doloroso del previsto.

 

Fonte: Techcrunch • Via: SlashGear • Notizie su: