QR code per la pagina originale

Microsoft allunga il ciclo di vita di Windows

Microsoft supporterà Windows XP e Windows Vista ancora a lungo: l'azienda ha infatti esteso il ciclo di vita dei propri OS fino a 10 anni.

,

Benché da diverso tempo spinga affinché vengano adottate le ultime edizioni del proprio sistema operativo dedicato al mondo desktop, Microsoft ha annunciato importanti novità per coloro che per un motivo oppure per un altro preferiscono rimanere fedeli a versioni precedenti: l’azienda di Redmond, infatti, ha esteso il ciclo di vita di ciascuna edizione di Windows, portando tale arco di tempo a 10 anni. Ciò, in sostanza, si traduce in un maggiore supporto per gli utenti.

Fino a pochi giorni fa, dunque, Windows Vista sembrava inesorabilmente destinato a non ricevere più supporto ufficiale da parte di Microsoft a partire dal prossimo mese di aprile, durante il quale avrebbe festeggiato il proprio quinto compleanno. La nuova decisione da parte di Redmond, giunta sotto forma di rumor e poi confermata direttamente da un portavoce della società, consente sia a tale edizione che alla XP (a patto di aver installato l’ultimo Service Pack disponibile) di continuare ad esistere in qualità di sistema operativo supportato dall’azienda.

Una volta rilasciato Windows 8, insomma, Microsoft si ritroverà a supportare per un seppur breve periodo ben quattro edizioni differenti della propria piattaforma, fornendo assistenza ed aggiornamenti per migliorarne soprattutto la stabilità e la sicurezza globale. La spina sarà poi staccata a Windows XP il 4 agosto del 2014, mentre Vista sarà pienamente supportato fino al 4 novembre del 2017. Nel frattempo, però, non sarà possibile acquistare tali edizioni del sistema operativo, con Microsoft che distribuirà esclusivamente Windows 7 ed 8 una volta disponibile sul mercato.

Trattasi di una mossa volta principalmente a garantire maggiore efficienza per piattaforme ancora ampiamente adottate soprattutto a livello aziendale ed allo stesso tempo non del tutto abbandonate nel settore dei privati cittadini: Windows XP, infatti, secondo le ultime statistiche detiene circa il 47% del mercato a livello globale, mentre Vista è fermo a circa l’8%. Prima di staccare definitivamente la spina, insomma, Microsoft preferisce attendere che tale percentuale scenda al di sotto di una specifica soglia per garantire che la quasi totalità dei propri utenti possa ricevere costantemente aggiornamenti di sistema e supporto tecnico.

Fonte: ZDNet • Notizie su: