QR code per la pagina originale

ADSL: quanto si risparmia cambiando operatore?

SosTariffe ha analizzato le offerte ADSL con e senza telefono e, in base ai dati, è possibile comprendere quanto sia conveniente cambiare gestore.

,

Quanto è conveniente passare a un altro gestore per il servizio ADSL? Una domanda che sicuramente ricorre nei pensieri di moltissimi italiani, e a cui SosTariffe.it ha provato a fornire risposta in seguito a un’analisi condotta per comprendere quale sia la reale convenienza nell’effettuare un cambio di operatore.

Quattro le tipologie di offerte ADSL prese in esame, ovvero ADSL naked, ADSL senza telefono e ADSL+telefono a 7 e 20 MB. È stato possibile scoprire come, pur mantenendo la medesima tipologia di offerta, l’italiano potrebbe risparmiare oltre 400 euro, soprattutto nel caso in cui riesca a fruire di utili promozioni: il risparmio maggiore pare venga ottenuto con le offerte ADSL+telefono a velocità 20 mega della durata di due anni (rispamio fino a 402 euro).

Dalla ricerca risulta che cambiare operatore è conveniente soprattutto per le tariffe a 7 mega ADSL Naked, grazie alle quali l’utente può ottenere nel giro di un anno un rispamio anche pari a poco più di 332 euro. Per le offerte “tutto incluso”, che dunque mettono a disposizione sia ADSL che telefonia, sempre con velocità di 7 mega, con una promozione della durata di un anno è possibile risparmiare circa 165 euro.

Il gruppo di tariffe più convenienti per chi decide di effettuare un cambio di gestore è quello dell’ADSL+telefono con velocità 7 mega, che offre un risparmio di 13,77 euro rispetto al costo medio della medesima proposta fuori promozione. In questo caso, l’utente dovrebbe pure valutare la possibilità di una convenienza ancora maggiore, dato che alcune delle tariffe proposte in Italia offrono uno sconto che prosegue anche dopo i due anni dopo l’attivazione. Attenzione infine alle tariffe solo ADSL, poiché in queste grava un costo aggiuntivo che difficilmente si ritrova nell’offerta ADSL+telefono, ovvero quello del canone Telecom, che a livello annuale grava sulla spesa di ben 192,96 euro.

Spiega Alberto Mazzetti, Amministratore Delegato di SosTariffe.it: «l’avanzare della tecnologia continua a permettere un miglioramento delle performance contestualmente a una diminuzione della spesa per la connessione internet da rete fissa. Inoltre le più recenti promozioni permettono di risparmiare cifre molto considerevoli nell’arco di due anni». Secondo recenti dati diramati da Eurostat, negli ultimi anni l’utilizzo di Internet è aumentato di netto tra le famiglie italiane e, oggi, in più di una casa su due è presente una connessione ADSL a banda larga (52%), un aumento considerevole rispetto al 13% registrato nel 2005. Gli abbonamenti più sottoscritti nel paese sono quelli ADSL a 7 MB, mentre in questa prima parte del 2012 è stato visto un aumento dei passaggi verso le linee a velocità 20 mega.

Fonte: SOS Tariffe • Notizie su: