QR code per la pagina originale

Windows 8, ora si parla di pubblicità

Microsoft mostra un esempio di come la pubblicità potrebbe integrarsi in maniera pulita e non invasiva nell'interfaccia Metro di Windows 8.

,

Prima o poi anche per Windows 8 sarebbe arrivato il momento di parlare di pubblicità, e come questa nello specifico andrà a integrarsi nell’interfaccia Metro. Durante la settimana del Cannes Lions 2012, il festival internazionale della creatività, Microsoft ha mostrato il primo di diversi concept che si prepara a condividere con inserzionisti e developer nei prossimi mesi.

La pubblicità è infatti una componente fondamentale per tutti quegli sviluppatori che intendono costruire il proprio modello di business su di una offerta ad-based. Migliorare la qualità dell’offerta è pertanto un aspetto essenziale per migliorare il feeling con gli inserzionisti ed aumentare le performance relative degli annunci.

Al momento, il Microsoft Advertising SDK per Windows 8 ha permesso agli sviluppatori di incorporare annunci di testo, video e immagini standard all’interno dell’interfaccia Metro, con risultati però non soddisfacenti dal punto di vista estetico. Il colosso di Redmond promette comunque che le cose miglioreranno nelle prossime settimane grazie al supporto di agenzie creative del calibro di AKQA, Big Spaceship, Razorfish, Team Detroit, UM e Y&R, che supporteranno Microsoft nello sviluppo di concept per la pubblicità da inserire in Windows 8.

L’esempio mostrato da Microsoft. Sul bordo a destra ecco posizionato l’annuncio pubblicitario Adidas.

Tra i primi frutti di questo accordo vi è l’esempio mostrato a Cannes, con un annuncio pubblicitario targato Adidas posizionato nel bordo destro dell’applicazione Seattle Sounds Football Club così da adattarsi in maniera elegante a Metro. Facendo click sull’annuncio, l’utente avrà modo di visitare una pagina intera ricca di contenuti pubblicitari e che rispecchi in tutto e per tutto la qualità visiva e tecnica dell’esperienza Metro. Con un’apposito pulsante in alto a sinistra, sarà possibile invece tornare all’applicazione originale.

Cliccando sull’annuncio, gli utenti avranno modo di visitare praticamente un’applicazione a parte, naturalmente dedicata ai prodotti promossi dall’inserzionista.

Si conviene che una soluzione del genere sia molto più piacevole da vedere e soprattutto meglio integrata a Metro rispetto ai tradizionali blocchi di banner. L’annuncio diventa infatti un’estensione dell’applicazione e del sistema operativo: un’esperienza a parte, non intrusiva né fastidiosa. Se Microsoft riuscirà a fornire agli sviluppatori strumenti semplici e accessibili per sfruttare la cosa, questi avranno l’occasione di monetizzare senza degradare eccessivamente l’esperienza finale dell’utente.