QR code per la pagina originale

Google Ads: un pulsante per rimuoverle

Google ha presentato un nuovo pulsante che consentirà agli utenti di nascondere determinati annunci pubblicitari, in arrivo nei prossimi giorni.

,

Google vuole concedere maggiore controllo agli utenti sulla pubblicità mostrata loro durante la navigazione in Rete: l’azienda di Mountain View ha infatti annunciato l’introduzione di un nuovo pulsante il quale, una volta cliccato, impedirà ad un particolare annuncio pubblicitario di essere nuovamente visualizzato in seguito. In una prima fase, tale pulsante sarà sperimentato su determinate tipologie di ad, dopo di che sarà introdotto in maniera graduale in tutte le pubblicità del network Google.

Il pulsante avrà la forma di una “x” e sarà visualizzato in un angolo del box contenente la pubblicità che si intende rimuovere. Dopo avervi cliccato verrà aperta una pagina nella quale saranno illustrate maggiori informazioni circa il nuovo programma lanciato dalla società. Gli utenti, inoltre, avranno a disposizione un’apposita pagina di controllo mediante la quale potranno monitorare tutte le campagne che non intendono visualizzare.

L’iniziativa, spiegano da Mountain View, non può tuttavia offrire la sicurezza di non visualizzare mai più un particolare annuncio: la stessa pubblicità potrebbe infatti essere riproposta da una diversa azienda, oppure nel contesto di una differente campagna pubblicitaria. Non esiste dunque al momento una garanzia del 100% relativa alla scomparsa definitiva di un annuncio dalle pagine visualizzate, benché un simile strumento conceda nuovo potere decisionale nelle mani degli utenti.

Allo stesso tempo, Google potrà avere a disposizione importanti informazioni circa il gradimento da parte degli utenti relativamente alle campagne di sponsorizzazione mostrate, consentendo così di comprendere quando una determinata campagna non sta riscontrando pareri favorevoli tra gli utenti.

Non solo: eliminando pubblicità sgradite, si offrono maggiori spazi a pubblicità potenzialmente gradite. Il che andrebbe ad aiutare Google ad aumentare ulteriormente le performance del proprio network pubblicitario.

Fonte: Google • Immagine: Google • Notizie su: