QR code per la pagina originale

Windows 8, l’ultima release prima dell’esordio

Windows 8 è disponibile al download per l'utenza MSDN e TechNet Professional: piccole migliorie aggiunte per un sistema ora pronto all'esordio sul mercato.

,

Windows 8 è da alcune ore nelle mani degli utenti in versione RTM completa, dando così il via a quello che si presenta come l’ultimo vero passo prima dell’esordio ufficiale sul mercato (fissato per il 26 ottobre). La nuova versione è a disposizione di tutti i sottoscrittori degli appositi programmi MSDN e TechNet Professional, aprendo invece al resto dell’utenza la possibilità di una parentesi di prova gratuita della durata massima di 90 giorni (disponibile anche in italiano).

Windows 8 è descritto in codice come Windows 6.2 (così come Windows 7 era Windows 6.1 e Windows Vista era Windows 6). La build distribuita è la numero 9200.

La versione distribuita è formalmente quella che Microsoft dedica al mondo enterprise, ossia una sorta di Windows 8 Pro arricchito di alcune funzioni dedicate al settore di riferimento. Rispetto alle versioni antecedenti non sono state segnalate al momento grandi novità, ma soltanto alcuni aggiustamenti (quali la rimozione di ogni qualsivoglia riferimento alla nomenclatura “Metro”, bloccata e rimossa per motivi di copyright) e numerose piccole migliorie estetiche e funzionali. Microsoft, insomma, sembra aver rifinito il sistema, smussato gli angoli e ripulito la vetrina prima di impacchettare il tutto all’interno della confezione definitiva da mettere in pasto agli utenti. A dita incrociate, poiché il momento è chiaramente cruciale.

L’installazione apre ad una piccola guida di introduzione alla nuova interfaccia, così da suggerire fin dal primo boot alcune indicazioni fondamentali per muoversi al meglio sul nuovo desktop:

Nella versione in distribuzione si segnalano nuovi wallpaper e nuove soluzioni di colore per lo sfondo del desktop; si segnala l’introduzione di default del “Do not track” in Internet Explorer; si segnala l’uso del nome “File Explorer” per contraddistinguere il sistema di ricerca interno al pc; si segnala la comparsa di “Xbox Music“, primo grande passo verso la nuova dimensione del brand Xbox nella direzione dell’intrattenimento.

La prima recensione proposta da ZDNet conta poco più di 450 app disponibili sul marketplace, ma questo numero è presumibilmente destinato a crescere ancora da qui all’esordio sul mercato del sistema operativo. Quest’ultimo dettaglio sarà particolarmente importante in divenire poiché su interfaccia e marketplace si concentra gran parte della novità introdotta da Microsoft nella nuova edizione del prodotto.

Fonte: ZDNet • Via: TechCrunch • Notizie su: