QR code per la pagina originale

Frammentazione Android, Jelly Bean al 6,7%

Nuove statistiche sulla distribuzione delle versioni Android: Gingerbread resta oltre il 50%, mentre Jelly Bean sale al 6,7% grazie agli aggiornamenti.

,

Come avviene puntualmente ogni 30 giorni, Google ha pubblicato le statistiche riguardanti la distribuzione delle versioni di Android nel mese di novembre. Ne emerge una lenta ma progressiva crescita di Jelly Bean, mentre a farla da padrone è sempre Gingerbread, ancora presente su oltre la metà dei dispositivi nelle mani degli utenti.

Va innanzitutto chiarito che i dati sono stati rilevati durante un periodo di due settimane concluso sabato 1 dicembre, registrando la release della piattaforma installata sulla totalità di smartphone e tablet che hanno effettuato l’accesso allo store Google Play per il download di giochi, applicazioni o contenuti multimediali. Si tratta di informazioni ufficiali, che fotografano lo stato attuale e la frammentazione dell’ecosistema Android.

Jelly Bean raggiunge il 6,7% del totale, suddiviso in 5,9% per la versione 4.1 e 0,8% per la più recente 4.2. Una crescita significativa rispetto al 2,7% di inizio ottobre, causata soprattutto dal rilascio di aggiornamenti come quelli per il Samsung Galaxy S3, ma non ancora sufficiente per agganciare la doppia cifra. In salita anche Ice Cream Sandwich, che in un mese passa dal 25,8% al 27,5%, mentre la release Honeycomb destinata esclusivamente ai tablet resta quasi immobile con l’1,6% (0,4% per la 3.1 e 1,2% per la 3.2).

La fetta più grande è fagocitata ancora una volta da Gingerbread, con il 50,8% del totale, comunque in discesa rispetto al 54,2% di fine ottobre. Un device Android su due, dunque, è fermo all’edizione 2.3 del sistema operativo (50,6% dalla 2.2.3 alla 2.3.7, 0,2% dalla 2.3 alla 2.3.2). Dietro si trovano Froyo con il 10,3% ed Eclair con il 2,7%. Resistono stoicamente in fondo a questa particolare chart anche Donut con lo 0,3% e Cupcake con lo 0,1%.

Il debutto di update previsto entro la fine dell’anno contribuirà a incrementare le percentuali delle ultime release, mentre quelle più datate sembrano destinate ad azzerarsi nel breve termine. Intanto, si è già iniziato a parlare di Android 5.0 Key Lime Pie, avvistato in Rete nei giorni scorsi e al debutto presumibilmente nella prima metà del 2013.

Fonte: Android Developers • Immagine: creatorart • Notizie su: