QR code per la pagina originale

PayPal su Google Play, anche in Italia

Google introduce il supporto ai pagamenti tramite PayPal all'interno del Google Play. Servizio disponibile in 12 Paesi tra cui l'Italia

,

PayPal potrà essere utilizzato come strumento di pagamento all’interno di Google Play per comprare applicazioni e giochi, ma non dispositivi ed accessori. La novità è stata annunciata direttamente da Google, che ha sottolineato come il supporto ai pagamenti tramite PayPal sarà disponibile inizialmente in 12 paesi. La buona notizie è che per una volta l’Italia potrà disporre da subito della nuova opportunità offerta da Google, contando così su di un sistema di pagamento estremamente diffuso ed utilizzato.

I 12 paesi in cui sarà disponibile il supporto ai pagamenti tramite PayPal sono Austria, Belgio, Canada, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Olanda, Spagna, Stati Uniti e Regno Unito. L’aggiornamento di Google Play che introduce il supporto a PayPal dovrebbe arrivare nelle prossime ore e permetterà agli utenti di scegliere un altro mezzo di pagamento oltre alle carte di credito, le carte regalo e il credito telefonico (solo utenti Wind). Configurare il proprio account per i pagamenti tramite PayPal è molto facile. Google spiega che all’interno di Google Wallet gli utenti troveranno come opzione di pagamento PayPal ed un volta selezionato sarà sufficiente inserire il proprio contestuale login per effettuare i pagamenti.

L’integrazione di PayPal per i pagamenti su Google Play non potrà che far bene al successo del market di Big G: i milioni di utenti PayPal potranno adesso utilizzare il loro account per effettuare acquisti sicuri sulla piattaforma di Google senza per forza dover utilizzare una carta di credito, sulle quali c’è da sempre in Italia una certa qual diffidenza. L’uso di PayPal al posto della carta di credito, porrebbe inoltre spingere più utenti ad effettuare più acquisti su Google Play aumentando gli introiti della piattaforma di Google.

L’integrazione ha altissimo valore anche e soprattutto per PayPal, poiché per molto tempo Google ha tentato di soverchiare la leadership del sistema di pagamento di eBay (ad esempio con Google Checkout) senza tuttavia mai riuscire nel proprio intento. L’accordo siglato tra le parti è una sorta di consacrazione della vittoria ottenuta, un riconoscimento che pone sempre di più PayPal come portafoglio elettronico standard per l’utenza di massa.

A margine dell’annuncio dell’integrazione del supporto a PayPal, Google ha anche sottolineato l’allargamento del supporto dei pagamenti tramite credito telefonico e carte regalo ad altri Paesi.