QR code per la pagina originale

Windows 10, il browser Edge mostra i muscoli

Secondo gli ultimi test effettuati da AnandTech, il browser Edge si dimostra molto rapido e quasi alla pari con Chrome e Firefox

,

Microsoft punta molto sul nuovo browser Edge che andrà a sostituire il “vecchio” Internet Explorer in Windows 10. Durante questi mesi, la casa di Redmond ha lavorato alacremente per ottimizzare il suo nuovo browser spingendo molto sulla compatibilità con i maggiori standard del web e sulla velocità di rendering. Ma quanto sia migliorato il browser da quando si chiamava ancora Project Spartan l’ha voluto verificare AnandTech che ha confrontato i risultati delle prime release del nuovo browser con quella presente nella build 10240 del sistema operativo, cioè la versione RTM di Windows 10 che tutti riceveranno tra pochi giorni.

I risultati ottenuti nei principali benchmark dedicati a misurare le prestazioni dei browser sono molto chiari e cioè Edge oggi è molto più veloce di Project Spartan, segno che Microsoft ha lavorato tanto e bene. Anche il confronto con gli altri principali competitors del settore, cioè Chrome e Firefox, è molto positivo. I risultati dei test evidenziano come Edge sia il più veloce in alcuni test e meno rapido in altri ma i risultati dimostrano come il nuovo browser di Windows 10 abbia colmato una buona parte del gap accumulato da Internet Explorer.

Edge, confronto benchmark con Firefox e Chrome

Edge, confronto benchmark con Firefox e Chrome (immagine: Anandtech).

AnandTech sottolinea, comunque, come Microsoft dovrà lavorare ancora molto per raggiungere davvero Chrome e Firefox ma la strada intrapresa è molto buona soprattutto visto che Edge è appena all’inizio del suo sviluppo e che presto arriveranno molte altre nuove funzionalità come le estensioni.

Microsoft sembra, dunque, partire con il piede giusto nella sua nuova avventura di Windows 10 per quanto riguarda la navigazione su internet. Edge, per quanto giovane, mostra già un buon livello di maturità tanto da insidiare immediatamente Chrome e Firefox, sino ad oggi irraggiungibili da parte di Internet Explorer.