QR code per la pagina originale

Un film sulle emoji

Da strumento universale per le conversazioni online a soggetto per la sceneggiatura di un film: la pellicola The Emoji Movie arriverà nei cinema in estate.

,

Nel 2015 l’Oxford Dictionary ha elevato una emoji a parola dell’anno. Nei mesi scorsi un’istituzione nel mondo della cultura come il Museum of Modern Art di New York ha aggiunto alla propria collezione le 176 immagini disegnate nel 1999 dal giapponese Shigetaka Kurita, consacrandole come forma d’arte da tramandare ai posteri. Il prossimo anno, le faccine che tutti noi ogni giorno utilizziamo nelle chat e nelle conversazioni online debutteranno sul grande schermo.

Oggi è stato pubblicato il primo trailer di The Emoji Movie (visibile in streaming di seguito), in arrivo nelle sale cinematografiche nell’estate 2017 (per la precisione il 4 agosto negli Stati Uniti). Un film d’animazione diretto da Tony Leondis (già al lavoro in passato su Lilo & Stitch e Kung Fu Panda), prodotto da Sony Pictures Animation e distribuito da Columbia Pictures.

Il protagonista principale sarà Gene, una emoji impegnata in un complicato processo di metamorfosi. Il suo doppiaggio in lingua originale sarà curato da T. J. Miller, attore già visto in Cloverfield e più di recente in Deadpool. Di seguito il divertente filmato promozionale, che però svela ben poco sulla trama. I dettagli finora disponibili parlano di una storia che racconta cosa accade all’interno degli smartphone quando gli utenti interagiscono tra loro e chiamano all’appello le emoji.

Nessuno si aspetta che The Emoji Movie arrivi a tracciare un solco indelebile nella storia della cinematografia mondiale, né che possa concorrere per la vittoria di un premio Oscar. Va però riconosciuta la genialità dell’intuizione di Sony: il film si promuoverà da sé, ogni volta che qualcuno aprirà la schermata di una chat e deciderà di affidarsi ad un’immagine per esprimere il proprio stato d’animo o per inviare un messaggio senza ricorrere all’uso delle parole.

Fonte: The Emoji Movie su Twitter • Via: Engadget • Notizie su: