QR code per la pagina originale

Disponibile il Windows XP SP2 in italiano

Rilasciati 260 MByte di aggiornamenti. Il Service Pack 2 di Windows XP è pronto per essere scaricato dal sito Microsoft. Un nuovo firewall e un centro di controllo per la sicurezza

,

Microsoft ha rilasciato ieri le versioni localizzate del Service Pack 2 di Windows XP. Tra queste anche la versione in italiano che può così essere scaricata dal sito Microsoft.

Il file, chiamato WindowsXP-KB835935-SP2-ITA.exe e datato 29 Agosto 2004, pesa circa 260 MByte, 6 in meno di quello inglese. Per essere scaricato richiede, con un modem a 56 Kbps, circa 11 ore, che scendono a meno di un’ora con una connessione ADSL a 640 Kbps.

Microsoft non ha ancora rilasciato la versione per Windows Update, che consente di snellire di più di un terzo il download utilizzando il sistema di aggiornamento automatico di Windows. Il rilascio è previsto nei prossimi giorni.

Prima di scaricare ed installare il Service Pack 2, un aggiornamento che condiziona in profondità l’utilizzo del computer e delle applicazioni installate, è bene leggere la lista di incompatibilità del Service Pack con alcuni comuni applicativi. È anche bene verificare se i siti dei produttori hanno già rilasciato aggiornamenti per rendere questi applicativi compatibili con il nuovo componente.

Il Service Pack 2 per Windows XP Home, XP Professional e XP Media Center Edition, è il terzo aggiornamento ufficiale del sistema operativo Windows (dopo il Service Pack 1 e 1a), finalizzato quasi totalmente alla sicurezza. Oltre a tutti gli aggiornamenti del sistema Windows disponibili sino ad Agosto 2004, il pacchetto contiene un nuovo firewall personalizzabile, un sistema blocca pop-up e blocca Active-X e un centro di controllo per la sicurezza del PC.

Le modifiche maggiori saranno apportate al browser Internet Explorer e di riflesso molti siti dovranno cambiare modalità di visualizzazione delle proprie pagine.

Il pacchetto è ‘cumulativo‘, non è necessario avere altri Service Pack o aggiornamenti già installati, e contiene un controllo, in verità già eluso da tempo, che ne impedisce l’installazione su copie non autorizzate del sistema operativo.