Twitter going Mobile, per non perdersi più un cinguetto…

Non mi reputo sicuramente un twitter-addicted, ma comunque è un servizio di cui faccio uso.Per chi non sapesse cos’è Twitter, creatura figlia dei nanoblog e dei social network, oltre ai fiumi di parole in giro per la rete spesi sull’argomento, posso consigliare un interessante servizioapparso su LA7.Senza soffermarsi comunque oltre sulla trattazione di questo servizio,

Non mi reputo sicuramente un twitter-addicted, ma comunque è un servizio di cui faccio uso.

Per chi non sapesse cos’è Twitter, creatura figlia dei nanoblog e dei social network, oltre ai fiumi di parole in giro per la rete spesi sull’argomento, posso consigliare un interessante servizioapparso su LA7.

Senza soffermarsi comunque oltre sulla trattazione di questo servizio, argomento di sicura competenza dei nostri cugini di One Web 2.0 , da oggi esiste anche una versione ottimizzata per piccoli schermi e per un ridotto consumo di banda: Twitter Mobile.

Raggiungendo l’indirizzo dal nostro pocket browser preferito, ci apparirà una pagina semplice e leggera (rimossi gli avatar, tabelle e altre strane formattazioni) dove poter fare il login per poi postare il nostro stato e leggere quello dei friends che seguiamo.

Ottime le impressioni d’uso: risposta immediata ai comandi e consumo di banda davvero insignificante. Anche con una connessione con tariffazione, in genere costa meno aggiornare Twitter in questo modo che via web che via SMS.

Oltre alla versione ufficiale per i dispositivi mobili, esistono anche client come Twitteresce e Abiro Jitter che, richiedendo il J2ME, possono essere utilizzati anche su cellulari di “penultima” generazione.

Buon cinguettio a tutti, e state attenti: il servizio può generare dipendenza!

Ti potrebbe interessare