L’Autopilot di Tesla predice un incidente

La piattaforma di guida autonoma delle Tesla ha saputo prevedere un incidente rallentando l’autovettura in tutta sicurezza.

Parliamo di

L’obiettivo del sistema a guida autonoma delle Tesla non è solamente quello di permettere alle auto di poter guidare da sole ma anche di offrire una maggiore garanzia di sicurezza agli occupanti. La piattaforma di Tesla, infatti, permette di tenere sempre sotto controllo quanto accade sulle strade anche quando il conducente può distrarsi. Questo è possibile grazie ad un mix di sensori come videocamere e radar.

Arriva, adesso, un nuovo video girato da una dashcam collocata a bordo di una Tesla Model X che stava percorrendo un’autostrada nei Paesi Bassi. Nel video che pubblichiamo, si può notare con chiarezza come il sistema di guida assistita della Tesla abbia rilevato con anticipo la situazione di pericolo, prima ancora che il conducente se ne accorgesse, iniziando a rallentare l’autovettura in tutta sicurezza. Il filmato, dunque, non mostra solamente la bontà della piattaforma di Tesla, ma anche come questi sistemi, quando saranno molto più diffusi, potranno davvero contribuire a migliorare la sicurezza sulle strade.

[embed_twitter]https://twitter.com/HansNoordsij/status/813806622023761920[/embed_twitter]

La macchina elettrica ha saputo anticipare l’incidente, prevedendo il pericolo, in quanto monta la versione 8.0 della piattaforma software della Tesla che abilita l’utilizzo del radar per leggere i movimenti della strada e scoprire tutto quanto sta succedendo anche ad una certa distanza ed anche all’interno di un traffico inteso.

Una grande dimostrazione di sicurezza che non potrà che aumentare quando l’azienda sbloccherà tutte le funzionalità della nuova piattaforma hardware che in futuro consentirà una guida completamente autonoma.

Ti potrebbe interessare
Che ci fa la Google car ancora a Roma?
Web e Social

Che ci fa la Google car ancora a Roma?

La foto è fresca-fresca di giornata, scattata verso le 8.15 sul raccordo, all’altezza della Tiburtina, in corsia interna; purtroppo non sono riuscito a beccare l’enorme “fotocamera” che, per l’occasione, era abbassata (piegata) e coperta da una “cuffia” nera, come sempre posta sul tettuccio della Opel Astra targata Google.È evidente, quindi, che in quel momento non

Wikimedia risponde a Il Giornale
Web e Social

Wikimedia risponde a Il Giornale

Il Giornale aveva pubblicato nella giornata di ieri un articolo che affondava Wikipedia in qualità di fonte inattendibile, covo di diffamazioni e riferimento privo di credibilità. Wikimedia Italia risponde oggi per le rime spiegando nei dettagli i fatti

Apple porterà la videoconferenza su iPhone?
Apple

Apple porterà la videoconferenza su iPhone?

Curiosando nel famoso brevetto sul multi touch, recentemente depositato da Apple, Alexander Wolfe di Information Week ha fatto una scoperta parecchio interessante.Sembra proprio che a Cupertino siano molto seri sulla possibilità di fare videoconferenza su iPhone.In molti ritenevano che il brevetto numero 7.479.949 si limitasse ad aggiungere semplici funzionalità di registrazione video al dispositivo, invece

Guerrilla Noia
Web e Social

Guerrilla Noia

Non sono un esperto di Guerrilla Marketing, ma sono sicuro che Jay Conrad Levinson, quando ha coniato questo termine, pensava a qualcosa di diverso da ciò che si vede in giro ora.Uno dei presupposti di tali operazioni (sia offline che online) è quello di attirare l’attenzione in modo non convenzionale, collegando un piacevole impatto emotivo