QR code per la pagina originale

Telltale licenzia anche gli ultimi dipendenti

Dopo il licenziamento di massa dello scorso 21 settembre, Telltale manda a casa anche gli ultimi dipendenti rimasti. Che ne sarà di The Walking Dead?

,

In seguito al licenziamento di circa il 90% del proprio personale, lo scorso 21 settembre, Telltale aveva dichiarato che i restanti 25 dipendenti avrebbero continuato a lavorare a Minecraft: Story Mode.

E invece, una narrative designer tra i pochi rimasti ha rivelato nelle scorse ore che anche lei e gli altri membri di quel team di superstiti sono stati mandati a casa dallo sviluppatore. Rachel Noel, questo il nome della dipendente che riporta la notizia, ha scritto su Twitter:

Ricordate che ci sarebbe stato un “team di scheletri” di cui avrei fatto parte? Niente, anche noi siamo stati licenziati.

La donna spiega nei “cinguettii” successivi che non tutti i restanti di casa Telltale sono in realtà stati licenziati nelle scorse ore, e che lei non faceva parte del team di Walking Dead. Pete Hawley, CEO di Telltale, ha così comunicato tramite email che una dichiarazione ufficiale sui tagli sarebbe arrivata nella giornata odierna o tutt’al più lunedì, e che lo studio di sviluppo starebbe continuando a lavorare per raggiungere un accordo che gli consenta di assicurare la fine di The Walking Dead: The Final Season.

Di recente Robert Kirkman, co-creatore della famosa serie di fumetti incentrati sull’apocalisse zombie, ha cercato tuttavia di rassicurare i fan. Ha infatti dichiarato:

Tutti coloro che sono coinvolti nel progetto stanno cercando di assicurarsi che la storia di Clementine sia raccontata per intero. Al momento non sono interessato a raccontare quella storia nei fumetti.

Quando è stato annunciato il primo round di licenziamenti di massa (circa 200 dipendenti), non era chiaro se Telltale avrebbe chiuso definitivamente i battenti e per quanto tempo il resto del team sarebbe durato in azienda. Non ci resta che attendere per scoprire cosa ne sarà di The Walking Dead: The Final Season.

Fonte: Kotaku