QR code per la pagina originale

Google guarda alla televisione

Un annuncio pubblicato nella bacheca delle assunzioni Google (e poi misteriosamente scomparso) lascia ipotizzare che il motore di ricerca potrebbe presto avventurarsi nel mondo della televisione partendo presumibilmente da IPTV e Video-on-Demand

,

Dopo le mille suggestioni rapidamente sviluppatesi attorno all’alta cifra di denaro accumulata ultimamente da Google, ora un annuncio notato sulla pagina delle assunzioni del motore di ricerca scatena una nuova curiosa ipotesi: la sede di Moutain View potrebbe aprire un distaccamento dedicato alla televisione e Google potrebbe così lanciare la propria GoogleTV.

La suggestione nasce così come nacque l’ipotesi delle “dark fiber”, ovvero in seguito alla visualizzazione di un avviso relativo alla ricerca di personale da parte del gruppo della grande G. Se l’ipotesi di una vera e propria GoogleTV appare quantomeno remota (nonchè per certi versi semplicemente fantasiosa), ben più probabile sembra essere un interessamento dedicato al semplice mondo delle promozioni e soprattutto della fruizione digitale del mezzo televisivo. L’esperto cercato da Google dovrebbe infatti avere competenze serie per quanto concernente le varie tecnologie legate a Internet e TV, Video-on-Demand, Personal Video Recorder e IPTV.

La suggestione si moltiplica quindi se si nota come vari domini legati al mondo televisivo (come segnalato da WebProNews) sono già stati registrati da una azienda norvegese dai pochi riferimenti ma da un continuo e inspiegabile feeling con il gruppo Google (l’azienda è denominata Data Docket ed è già in possesso del famigerato GBrowser.com ed ora di GoogleTV.com). La suggestione diventa mistero, infine, se si visita la pagina linkata dai blogger che per primi ne hanno visionato gli interessanti contenuti: la pagina risulta oggi vuota, il che sta ad indicare la scomparsa dell’annuncio al centro del dibattito.

Nel momento in cui la convergenza sta avvicinando tv e Internet, i motori di ricerca hanno immediatamente dimostrato interesse per il possibile ampio mercato che andrebbe ad aprirsi da una distribuzione web di contenuti video. La ricerca video è già realtà sia in Google che in Yahoo!. Presto, forse, le possibilità saranno però ben più ampie.

Notizie su: