QR code per la pagina originale

Niente iChat per l’iPhone

Dall'intercettazione di un manuale di istruzioni per venditori dell'iPhone si sono avute ulteriori indiscrezioni sul telefono Apple. Pare certa la mancanza di un client iChat per fare instant messaging, mentre vi sarebbe una particolare gestione degli SMS

,

MacRumors.com è entrato in possesso del manuale di istruzioni per venditori che la Apple ha stampato per aiutarli meglio a comprendere le funzionalità dell’iPhone. Nelle pagine riportate dal sito non c’è molto di nuovo rispetto a quello che già si sapeva ma si intuisce come il nuovo telefono di Apple non supporterà al momento alcun servizio di instant messaging.

Molto infatti si era vociferato relativamente a simile possibilità: già dalla presentazione ufficiale, infatti, la schermata di composizione e di lettura dei messaggi di testo lasciava intuire come probabilmente ci sarebbe potuta essere un’integrazione con iChat, il software predefinito per l’IM su Mac. Invece dalle indiscrezioni del manuale per venditori sembra che si tratterà unicamente di un modo diverso di leggere e scrivere SMS: «i messaggi di testo sull’iPhone sembreranno messaggi instantanei; il telefono non permetterà agli utenti di fare conversazione con servizi di messagistica instantanea; l’iPhone non supporta l’utilizzo di MMS per foto e video». Come riporta anche VoIP Blog, una simile affermazione stempera tutti gli entusiasmi di chi aveva visto nella nuova interfaccia nuove possibilità: trattasi agli effetti dell’ennesimo caso di miglioramento dell’esperienza utente da parte di Apple che nel caso specifico degli SMS ha messo a punto un sistema di visualizzazione simile a quello degli IM, dove le conversazioni con i medesimi contatti sono tutte riunite insieme.

E proprio il blog dedicato alla telefonia su protocollo IP chiude il post in questione con un azzardo sulle cause della mancata funzionalità: «ci si poteva aspettare una versione di iChat per l’iPhone, così come la compatibilità con Yahoo Messenger e GoogleTalk (proprio per l’iPhone, Apple ha stretto accordi con Yahoo! e Google), ma Apple non sembra aver scelto questa strada. Il motivo potrebbe essere proprio non mettere a rischio un’importante fonte di entrate per l’operatore».

Notizie su: ,