QR code per la pagina originale

Mozilla distribuisce la prima beta di Firefox 3

Mozilla ha iniziato a distribuire la prima beta di Firefox 3. La release giunge con mille problemi e rappresenta uno scoglio importante per il futuro del gruppo. Grandi novità dal punto di vista della sicurezza e della facilità d'uso dell'interfaccia

,

Mozilla ha presentato la prima beta di Firefox 3, il browser che si appresta a far tremare, di nuovo, il predominio di Internet Explorer. Questa beta presenta già la maggior parte delle funzionalità che vedremo della versione finale, in particolare le soluzioni che puntano a rendere la navigazione sul web più sicura per gli utenti.

Proprio nell’ambito della sicurezza si sono mossi grandi passi, soprattutto per facilitare l’identificazione dei malware e dei tentativi di phishing. Ad esempio è sufficiente cliccare sulla favicon nella barra degli indirizzi per controllare le credenziali del sito e scovare eventuali manomissioni. È pronto inoltre un sistema di filtraggio contro il malware basato su una lista di siti malevoli noti. Riguardo il fornitore di questa lista si era discusso molto nelle scorse settimane dell’eccessiva presenza di Google: in questa beta le impostazioni di default prevedono che sia l’utente a caricare la propria lista. È anche possibile selezionare un fornitore da cui scaricare l’elenco aggiornato dei siti malware e, per quanto ora sia Google l’unico disponibile, questo lascia la porta aperta ad altri competitor che vogliano fornire lo stesso servizio. Ulteriori passi nella sicurezza riguardano le estensioni, la cui gestione era stata oggetto di critiche: il futuro Firefox 3 aggiornerà automaticamente solo le estensioni per cui è disponibile un download sicuro con un certificato di sicurezza valido. Per i download generici, invece, il panda rosso si occuperà di informare l’antivirus, e sempre nell’ottica di una maggiore integrazione, sarà compatibile con il controllo parentale incluso in Windows Vista.

Il team di sviluppo ha studiato anche nuove funzionalità strettamente legate alla facilità d’uso, senza per questo stravolgere l’interfaccia o l’esperienza d’uso del browser. Ad esempio le password saranno ricordate solo per i login corretti e i download potranno essere ripresi e interrotti anche dopo aver riavviato Firefox o il computer. Lo zoom delle pagine includerà l’ingrandimento delle immagini, mentre sulle precedenti versioni di Firefox veniva ingrandito solo il testo. Sempre per semplificare la vita al navigatore, in presenza di più tab aperti in chiusura Firefox non si limiterà ad avvisare, ma chiederà all’utente se vuole riaprire le stesse schede al successivo avvio del browser.