QR code per la pagina originale

Google Media Server porta il pc sulla tv

Con la nuova versione di Google Desktop si può scaricare anche il Media Server di Mountain View che abbinato ad un device Universal Plug and Play attaccato alla tv consente di trasferire su schermo i video e le foto dell'utente e di YouTube e Picasa

,

Google libera oggi la sua soluzione all’annoso problema di come portare sulla televisione i contenuti video di internet al momenti visibili attraverso il computer. Si chiama Google Media Server e per funzionare necessita di un dispositivo Universal Plug and Play.

L’esempio più calzante di dispositivo Universal Plug And Play attaccato al televisore è la Playstation 3, ma vanno bene anche televisori digitali come quelli HP o Loewe: lo sarebbe anche la Xbox360, però non funziona con Google Media Server, come spiegato nel forum di Mountain View, poichè necessita di server Microsoft.

Google Media Server richiede l’installazione del software Google Desktop sul pc (per il momento è pronto solo per Windows) e il collegamento al device UPnP che a sua volta è attaccato al televisore: a quel punto diventano accessibili dallo schermo tutti i video che l’utente ha sul pc, tutte le foto e anche tutti i video di YouTube e le foto di Picasa.

Non si tratta per la verità di una novità assoluta: Microsoft fornisce un proprio set top box che serve allo stesso scopo ed anche la AppleTv offre il medesimo servizio, tuttavia la differenza di Google è la base di contenuti cui dà libero accesso. Il difetto maggiore è invece riscontrabile nel fatto che il tutto necessiti di un computer apposito a differenza dell’ultima versione dell’equivalente Apple.

In molti sostengono che il mercato del video in rete non raggiungerà una massa critica fino a che non sarà possibile portare facilmente internet sul televisore, poichè una buona parte dei video che si vedono (come le serie televisive acquistate o i video di Hulu) in tutto e per tutto mutuano la tipologia di fruizione da quella televisiva e a quella mirano. Discorso diverso, ovviamente, per i video più brevi e virali che invece sono fatti apposta per una visione da pc.