QR code per la pagina originale

Fallito l’accordo tra Google e Digg

Nonostante Google e Digg avessero già sottoscritto un accordo preliminare di acquisizione per 200 milioni di dollari, sembra ora certa la rottura dell'intesa tra le sue società. Alla base, alcune divergenze a livello tecnico e personale

,

Sembrava oramai sempre più concreta la possibilità di una acquisizione da parte di Google del popolare sito di social media Digg, ipotesi che aveva già destato non pochi malumori tra gli utenti del portale per una possibile perdita dell’indipendenza di quest’ultimo. Ora però TechCrunch, la stessa fonte che aveva svelato l’intesa, riporta il fallimento delle trattative tra le due società.

Non sono ancora ben chiari i motivi alla base dell’inversione di marcia da parte di Google, anche se alcune fonti vicine alle compagnie hanno riportato l’esistenza di alcune divergenze e incompatibilità a livello tecnico tra il motore di ricerca e Digg. Sembrerebbero essere però subentrate alcune divergenze anche a livello personale e che Google abbia preso la decisione di abbandonare i propositi di acquisizione dopo aver trascorso del tempo assieme al team di Digg.

Il portale di social media rimane quindi indipendente e l’imprevista svolta degli eventi non potrà che giovare a Microsoft, la cui azienda curerà anche per i prossimi due anni la pubblicità che appare sugli spazi di Digg; l’acquisizione da parte di Google avrebbe infatti potuto portare alla rottura l’accordo tra le due società, stipulato nel 2007.

Per Google sembrava tutto fatto ed in proiezione Digg avrebbe potuto essere integrato in Google News per portare ad un nuovo ranking delle notizie con il contributo degli utenti e soprattutto dell’utenza Digg. La nuova bozza del servizio era tra le ipotesi principali ed una prima versione di prova di un Google News rivisto e modificato faceva già le sue prime comparsate casuali. Tutto a monte: tra Google e Digg non è scattata la scintilla.

Notizie su: