QR code per la pagina originale

Primi assaggi di Chrome 2.0

Google offre agli utenti del suo browser un assaggio della versione 2.0 di Chrome. Numerose le nuove funzionalità introdotte, nonostante si tratti ancora di una release pre-beta, destinata solamente agli sviluppatori (o ai più curiosi)

,

Sono trascorsi solamente quattro mesi dal giorno in cui Google ha sorpreso il mondo ICT con la prima release del suo innovativo browser quando, dopo numerosi aggiornamenti e correttivi, ecco apparire all’orizzonte Chrome 2.0 in versione pre-beta. Si tratta per la precisione della versione build 156.1 destinata agli sviluppatori e disponibile solamente attraverso il Developer Preview Channel.

Come ben illustrato da Mark Larson, attuale program manager di Chrome, la release 2.0.156.1 porta con sé i seguenti miglioramenti:

  • una nuova versione di WebKit, ovvero del motore di rendering del browser, ora giunto alla versione 528.8, revisione 39410, in grado di offrire funzionalità inedite quali uno zoom sull’intera pagina e l’autoscroll dei contenuti;
  • autocompletamento dei moduli, in grado di velocizzare l’inserimento delle voci nei form,nel caso esse siano già state compilate;
  • zoom sull’intera pagina, ovvero non limitato al solo testo;
  • autoscroll attivabile attraverso il pulsante centrale del mouse, alla stregua di quanto accade con Firefox e Internet Explorer 7;
  • tabelle in grado di “agganciarsi” quando trascinate in determinate posizioni;
  • possibilità di importare i Preferiti da Google Bookmarks;
  • gestione dei profili, onde mantenere differenti impostazioni del browser;
  • il motore JavaScript V8 passa dalla versione 0.3.9.3 alla 0.4.6.0;
  • utilizzo sperimentale degli script utente, compreso il supporto agli script Greasemonkey.

Per ricevere la versione 2 di Chrome (che ricordiamo essere potenzialmente alquanto instabile), è necessario iscriversi presso il Developer Preview Channel e successivamente scaricare il programma Google Chrome Channel Changer. Uno volta lanciato l’applicativo, sarà sufficiente scegliere come canale di aggiornamento la voce “Dev: the latest features and bugfixes”.

Notizie su: