QR code per la pagina originale

Qualche considerazione su Maemo

,

È fatto noto che Nokia abbia i piedi in molte staffe per quanto riguarda i sistemi operativi per mobile: maggior attore della Symbian Foundation, membro dell’Open Handset Alliance, il gruppo creato intorno ad Android, e mamma di Maemo, una piattaforma GNU/Linux based che ha fatto la sua prima comparsa alcuni anni fa sull’N700 Internet Table.

Proprio su quest’ultimo prodotto, però, sembrano puntare le previsioni di sviluppo della società: direttamente dal Nokia World, infatti, è arrivato l’annuncio di Maemo 5, ultima versione di questo sistema operativo. Usata per equipaggiare l’N900 è stato anche attivato un sito dedicato completamente alla scoperta di questa piattaforma.

Basato su GNU/Linux, per la programmazione utilizza il linguaggio C ed esiste un SDK che può essere installato solo su linux, una limitazione che probabilmente fermerà gli sviluppatori non troppo pratici del sistema operativo del pinguino. Esiste comunque un’appliance VMWare, che permette di avere tutto già pronto all’uso a prescindere dal proprio sistema operativo.

Garage Maemo è invece il fulcro per la comunità di sviluppatori e utilizzatori che gravita attorno al progetto: raccoglie news, download, forum e anche un code repository per ospitare le proprie applicazioni.

Per distribuire invece il software esistente, ricalcando ormai le tendenze già delineate nel mondo del mobile, Nokia sfrutta il suo Ovi Store, che funge da centro unificato sia per la distribuzione di contenuti, siano essi applicazioni, musica, video o ulteriori contenuti multimediali, e non solo.

Non mi stupirei, infine, se a breve Nokia promuovesse un concorso tra sviluppatori, sulla falsariga di quello che stanno già facendo altri produttori di dispositivi e di sistemi operativi.

Notizie su: