QR code per la pagina originale

Google ti avvisa se un sito è compromesso

Google ha annunciato nuovi strumenti per avvisare gli utenti, durante la navigazione, quando un sito è stato compromesso da spam o hacker

,

Google è oggi sinonimo di ricerca su Internet. Allo stesso tempo la sicurezza durante la navigazione è uno dei problemi che affliggono la rete ed è molto importante, oltre che proteggersi con strumenti adeguati (antivirus, antispam ecc.), fare attenzione ai siti che si visitano. È per questo che Google ha implementato una funzione che permetterà agli utenti di essere informati quando un sito è compromesso da malware di vario tipo.

In pratica, se Google rileva un sito infetto o modificato da terzi, il motore di ricerca visualizza il seguente messaggio “This site may be compromised“. È una funzione simile, ma distinta e differente, da quella già implementata da Google in passato e che è in grado di individuare siti in cui un hacker ha modificato il contenuto delle pagine o inserito nuovi link.

Il gigante della ricerca ha dichiarato di utilizzare una varietà di strumenti automatizzati per individuare i segni dell’operato di un hacker il più rapidamente possibile. Peraltro il tutto configura un sistema che aiuta sia i navigatori che i proprietari dei siti: il motore intende agire su entrambi i fronti, garantendo massima sicurezza ponendo il proprio indice come filtro garante per una navigazione sicura.

Google notifica i siti compromessi

Messaggio di notifica per i siti compromessi

Google ha inoltre dichiarato che l’esistenza di questa funzione evita il declassamento del sito tramite penalizzazione nella posizione sulle SERP: il sistema si occupa semplicemente di effettuare un’analisi più aggressiva, pubblica e trasparente, così che il danno non sia “colpa” di Google ma semplicemente della libera scelta degli utenti nel girare al largo dai siti potenzialmente pericolosi.

Infine, Google incoraggia gli utenti che vengono avvisati durante la navigazione, a contattare i webmaster per effettuare le dovute correzioni.

Fonte: Mashable • Immagine: dok1 • Notizie su: