QR code per la pagina originale

Anonymous all’attacco di Silvio Berlusconi

Gli Anonymous attaccano anche in Italia: affondati per alcune ore quattro siti correlati a Silvio Berlusconi.

,

«Anonymous ha deciso di attaccare nuovamente simbolicamente il Governo italiano e lo fa colpendo il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e il suo partito. I cittadini sono stufi delle sue promesse mai mantenute, del baratro nel quale il suo malgoverno ha fatto sprofondare l’Italia, dell’incolmabile distanza tra la politica dell’interesse del suo interesse e i bisogni dei cittadini»: sono queste le motivazioni che hanno portato gli Anonymous a sferrare un attacco tutto italiano contro Berlusconi e contro il PDL.

Quattro i siti sotto scacco per alcune ore: pdl.it, governoberlusconi.it, forzasilvio.it e silvioberlusconifansclub.org. Tutti i siti sembrano essere già stati ripristinati ed al momento non si segnalano conseguenze ulteriori. Il manifesto pubblicato chiede maggiore autonomia per il potere giudiziario, auspica una maggior separazione dei poteri e proclama l’attacco informatico come una forma di protesta al pari di quelle che avvengono nella piazza.

Rivendicazione degli Anonymous

La rivendicazione degli Anonymous

«Come ogni volta, Anonymous chiede aiuto al popolo, a tutto il popolo. Aiutateci, Aiutateci a creare un’Italia migliore, insieme possiamo cambiare le cose». La “legione” cerca così la legittimazione popolare per dare una base solida alla propria protesta che, per la seconda volta nel 2011, riverbera i propri effetti anche nel nostro paese.

I danni sembrano al momento essere stati limitati, ma sui quattro siti colpiti non compare al momento alcuna indicazione relativa all’accaduto.

Via: Tom's Hardware • Notizie su: