QR code per la pagina originale

Gmail, Google Calendar e Google Docs anche offline

Dopo Gmail, Google estende le funzionalità offline dei suoi servizi anche su Calendar e Docs. La nuova funzione sarà disponibile nelle prossime settimane.

,

Vista la grande necessità di poter consultare le proprie informazioni anche senza essere collegati ad una connessione ad internet, come ad esempio nelle situazioni di viaggio con indisponibilità di una connessione attiva, Google ha annunciato il rilascio entro le prossime settimane di una versione offline di Google Calendar e Google Docs. Il concetto è identico a quello già adottato per Gmail Offline, ovvero avere la possibilità di consultare i propri dati anche senza essere connessi ad una rete internet. Ciò è reso possibile grazie all’ausilio della tecnologia web HTML5 ed al supporto di alcuni sviluppi eseguiti sulle applicazioni per tablet.

Quando abbiamo presentato i nuovi Chromebook al Google I/O, la conferenza internazionale degli sviluppatori tenuta a San Francisco nel 2011, abbiamo annunciato che stavamo lavorando per dare accesso alle nostre applicazioni web anche offline: ed ora infatti annunciamo il primo passo in questa direzione.

Una volta installata l’applicazione Gmail Offline, anche senza copertura di rete, si può ad esempio consultare la casella di posta semplicemente cliccando sulla scheda relativa presente sul browser Chrome. Allo stesso modo, non appena disponibile la nuova funzionalità, con Calendar sarà possibile visionare gli eventi del calendario e confermare o meno la presenza degli inviti ricevuti. Tramite Docs sarà possibile controllare i documenti e i fogli di lavoro aggiornati con le ultime modifiche, senza però aggiungerne di ulteriori. Per passare dalla modalità online ad offline basterà semplicemente un click sull’icona predisposta a tale funzione inserita nella parte in alto a destra del software: la sincronizzazione eseguirà i comandi avviati ed aggiornerà le informazioni disponibili.

L’intenzione primaria dell’azienda di Mountain View è quella di permettere ai propri utenti di non rallentare mai la produttività a causa di possibili problemi di rete, e di estendere le capacità delle funzioni offline anche su altri browser in modo da coprire uno spettro più ampio di utenza.

Fonte: Google Italia • Via: Cnet • Immagine: Google • Notizie su: