QR code per la pagina originale

I Winklevoss ci riprovano con SumZero

Tyler e Cameron Winklevoss hanno appena investito un milione di dollari in SumZero, un social network per investitori.

,

I gemelli Winklevoss, divenuti popolari per la battaglia legale intrapresa (e persa) contro Mark Zuckerberg, accusato di aver rubato loro l’idea Facebook, ci riprovano: hanno appena investito in SumZero, un social network dedicato a un pubblico di investitori.

È il Wall Street Journal a riportare i dettagli di tale investimento. Nello specifico, Tyler e Cameron Winklevoss hanno investito un milione di dollari in SumZero: è per loro il primo investimento in assoluto effettuato dai fondi della loro impresa, Winklevoss Capital, creata nello scorso febbraio.

I gemelli stanno utilizzando parte dei 65 milioni di dollari ottenuti da Facebook dopo un contenzioso durato anni, e adesso sono decisi a seguire la propria vera vocazione. «Vogliamo esere coinvolti e rimboccarci davvero le maniche», ha spiegato Tyler Winklevoss al Wall Street Journal. Vogliono tornare in pista, insomma, ripartendo da dove avevano lasciato: un social network in fasce sul quale costruire qualcosa di ambizioso.

SumZero è stata fondata nel 2008 da ex colleghi universitari dei Winklevoss e di Mark Zuckerberg, ovvero Aalap Mahadevia e Divya Narendra, con Narendra che ha recitato anche una piccola parte in The Social Network, il film dedicato alla storia della nascita di Facebook, e che era stato chiamato proprio dai gemelli come testimone nel processo contro il CEO di Facebook.

SumZero conta attualmente 7.500 iscritti ed è un canale sociale esclusivo che consente agli investitori di diventare membri solamente se sono attivamente impegnati nell’investimento. Questa retrizione è paragonabile a quella attuata da Zuckerberg, quando all’inizio per registrarsi su Facebook era necessario avere un indirizzo email con estensione .edu, ma i Winklevoss puntano oggi ad un target differente e nel quale il denaro ha una componente preponderante.

Fonte: Wall Street Journal • Via: Reuters • Immagine: komplettblog.ie • Notizie su: