QR code per la pagina originale

The Last Guardian: Ueda svela nuove informazioni a Famitsu

Fumito Ueda spiega a Famitsu il rapporto dei due personaggi di The Last Guardian

,

Nell’ultimo numero di Famitsu è comparsa una lunga intervista a Fumito Ueda su The Last Guardian, ultima fatica del Team ICO, responsabili di ICO e Shadow of the Colossus. La storia si baserà sull’amicizia tra un ragazzo e una strana creatura, un mix tra un uccello e un gatto, come si vede dalle piume sul corpo e dal viso.

Lo sviluppatore giapponese ha dichiarato: “Sapevamo di poter creare un’animale dalle movenze naturali, lo abbiamo già fatto con Agro in Shadow of the Colossus. Abbiamo deciso di mescolare varie caratteristiche di animali diversi e abbiamo creato una creatura del tutto nuova. Io e il mio team ci riferiamo alla creatura col nome di Oowashi, un falco gigante, anche se ha le piume e delle piccole ali”.

Ueda ammette che la creatura ha un aspetto strano: “Creare qualcosa che non può essere riferito a un’animale già esistente è quello che volevamo ottenere già dai primi istanti dello sviluppo. Vogliamo creare qualcosa di strano ma che si muova e che si comporti in modo naturale, come se esistesse per davvero”.

Oltre a Oowashi c’è anche il ragazzo: “Si potrebbe pensare che il rapporto tra il ragazzo e Oowashi sia molto simile a quello tra Wander e Agro in Shadow of the Colossus; il cuore del nostro nuovo gioco sarà il rapporto di amicizia tra i due”, continua Ueda, aggiungendo: “Appena prenderete il controller in mano vi accorgerete che comunque questo rapporto sarà diverso rispetto ai precedenti. Oowashi non è come Agro; infatti, i due nel gioco si incontrano per la prima volta e non c’è un background di conoscenza come nei rapporti instaurati nei due titoli precedenti. All’inizio si avrà molta difficoltà ad attirare l’attenzione della creatura, non essendo addestrata, e bisognerà quindi imparare dai suoi modelli di comportamento. La chiave del successo sarà utilizzare quei comportamenti a proprio vantaggio”.

Ueda conclude la lunga intervista affermando: “Gli animali hanno un velo di mistero, infatti non riuscirete mai a capire cosa sta pensando il vostro gatto. Questo è uno dei motivi per cui abbiamo deciso di fare degli animali uno dei temi centrali del gioco. Abbiamo imparato molto dell’IA durante lo sviluppo di ICO, e come i diversi caratteri possono interagire grazie a Shadow of the Colossus. Con The Last Guardian abbiamo preso questi due aspetti che uniti creano un’esperienza del tutto nuova”

Grandi aspettative quindi per il nuovo titolo, che uscirà il 26 marzo in esclusiva per PS3.