Samsung Galaxy Note 9, prestazioni e autonomia

Il nuovo Galaxy Note 9 integra processori octa core Snapdragon 845 e Exynos 9810, 6/8 GB di RAM, 128/512 GB di storage e batteria da 4.000 mAh.

Parliamo di

Il nuovo Galaxy Note 9, annunciato ieri da Samsung, non ha molte differenze estetiche rispetto al precedente modello, ma integra componenti hardware decisamente migliori che hanno permesso di incrementare le prestazioni e l’autonomia. La disponibilità di una maggiore quantità di storage evita inoltre la necessità di cancellare i propri contenuti per liberare spazio.

I due processori scelti per lo smartphone (Snapdragon 845 e Exynos 9810) sono realizzati con tecnologia di processo a 10 nanometri, come quelli (Snapdragon 835 e Exynos 8895) integrati nel Galaxy Note 8, ma funzionano a frequenza superiori. Secondo Samsung, l’incremento di prestazioni è 33% per CPU e 23% per GPU. Per smaltire il calore in eccesso è stato sviluppato un sistema di raffreddamento con heat pipe (Water Carbon Cooling) e dissipatore rivestito con fibra di carbonio.

Le temperature rimangono quindi all’interno del range di sicurezza anche quando l’utente sfrutta al massimo la potenza di elaborazione, ad esempio durante i giochi. Un algoritmo basato sull’intelligenza artificiale incrementa dinamicamente gli fps fino al 40% in modo da offrire un’esperienza più coinvolgente. Il Galaxy Note 9 è disponibile in due versioni: 6 GB di RAM e 128 GB di storage, 8 GB di RAM e 512 GB di storage. Lo spazio di archiviazione può essere aumentato con schede microSD fino a 512 GB.

Samsung ha infine incrementato la capacità della batteria a 4.000 mAh (quella del Galaxy Note 8 è 3.300 mAh). La ricarica può avvenire tramite porta USB Type-C o in modalità wireless. In seguito al famoso incidente del Galaxy Note 7, il produttore coreano ha migliorato i controlli di qualità, quindi non c’è nessun pericolo di esplosioni.

Ti potrebbe interessare