QR code per la pagina originale

Facebook Messenger, in arrivo la versione dark

Il popolare servizio di messaggistica Facebook Messenger sta apparendo in versione dark ad alcuni utenti e sarebbe quindi in dirittura d’arrivo.

,

Facebook Messenger diventa dark. Prima del popolare servizio di messaggistica è accaduto anche per Twitter, Reddit e YouTube, Facebook sta finalmente lavorando a un tema scuro per l’app. Un team interno sta lavorando e testando alla dark mode del servizio, che può alleviare dal bagliore intenso del tema bianco quando si usa l’app al buio.

Sono molti gli utenti che magari messaggio dal proprio letto, la sera, ed è confermato che la modalità dark sia stata già mostrata ad alcuni utenti in paesi selezionati. Le varie modalità “notte” sono risultate essere molto popolari, spingendo grandi società, tra cui anche Microsoft, a dotare i propri servizi con una palette di colori scura. Usando colori che vanno dai grigi al nero, inoltre si permette anche alla batteria di durare sensibilmente più a lungo.

Stanno circolando alcuni tweet che mostrano la modalità, che va attivata nelle impostazioni dell’app, alla voce “io”. A vederle è davvero scura, sia nello sfondo, anche della chat. Probabile che il rollout possa avvenire a breve in tutto il mondo, anche se non c’è stata ancora una conferma da parte di Facebook. Nel tweet si mettono quindi a confronto le due modalità e la differenza, alla fine, è legata esclusivamente alla colorazione dello sfondo. Cambiano anche i colori della barra di ricerca e alcune icone.

Facebook ultimamente ha introdotto diverse novità per l’app di Messenger, come ad esempio il supporto per i video Boomerang, che consente di creare piccoli video loop proprio come su Instagram. Oltre a questo ha introdotto anche la cosiddetta modalità Selfie, in grado di offuscare automaticamente lo sfondo, con il soggetto in primo piano più illuminato. Si spera solo che in futuro l’azienda non complichi ulteriormente un’applicazione protagonista di troppi cambiamenti negli ultimi anni.

Fonte: Android Police