QR code per la pagina originale

Windows 10, Cortana non disturberà l’installazione

L'ultima build di Windows 10 19H1 disattiva di default in alcune versioni di Windows 10 la voce guida di Cortana per il setup delle nuove installazioni.

,

Microsoft, nella serata di ieri, ha rilasciato una nuova build di Windows 10 19H1 all’apparenza con poche novità di rilievo. In realtà, questa nuova build introduce un cambiamento significativo che ha rischiato di passare inosservato. La casa di Redmond ha disabilitato di default la voce guida di Cortana durante il setup ed il primo avvio del sistema operativo in alcune edizioni di Windows 10. Nel 2017, il gigante del software aveva introdotto un’opzione per consentire di poter configurare le nuove installazione del sistema operativo con la sola voce. Mentre si trattava forse di una funzionalità utile per gli utenti consumer di Windows 10, risultava fastidiosa per le aziende dove gli amministratori IT erano “perseguitati” dalla voce di Cortana.

Abilitando quest’opzione, dunque, Cortana guidava con la voce gli utenti passo dopo passo nell’installazione e nella configurazione di Windows 10. La voce guida di Cortana sarà quindi disabilitata di default su Windows 10 Pro, Enterprise ed Education. L’opzione rimarrà presente all’interno di Windows 10 Home. Una scelta che probabilmente Microsoft doveva fare sin da subito. Per gli amministratori IT che venivano “disturbati” dall’assistente vocale di Microsoft ad ogni nuova installazione del sistema operativo, trattasi di una buona notizia. Gli utenti consumer, invece, potranno sempre contare sull’assistente vocale per gestire l’installazione di Windows 10.

Questa novità, comunque, arriverà solamente all’interno di Windows 10 19H1, il prossimo grande step funzionale del sistema operativo della casa di Redmond che è atteso per la primavera del 2019. Si dovrà attendere ancora alcuni mesi per poter disporre di questa improntante novità. Questo cambiamento è solo uno dei tanti che subirà Cortana. Microsoft, infatti, punta ad integrare maggiormente l’assistente in Windows 10 per renderlo più utile per gli utenti.

Windows 10 19H1 porterà in dote anche cambiamenti estetici, una sandbox per eseguire app sospette, emoji, kaomoji e tante altre piccole novità in grado di migliorare l’esperienza d’uso complessiva.

Fonte: Neowin • Immagine: Nor Gal via Shutterstock