QR code per la pagina originale

Tim Cook: Apple pronta al funerale della pay TV

Apple è pronta ad assistere al funerale della pay TV: Tim Cook ritiene che le piattaforme di streaming saranno il futuro per l'intrattenimento domestico.

,

Apple è pronta ad assistere, forse partecipandovi anche attivamente, al funerale della pay TV. È quanto ha lasciato intendere Tim Cook, il CEO di Apple, a margine della presentazione dei dati fiscali per il Q1 2019. La guida della società di Cupertino rileva infatti “grandi cambiamenti” nel comportamento dei consumatori, che porteranno alla rinuncia dei classici abbonamenti televisivi in favore di soluzioni più versatili.

Non si può dire che il mercato dell’intrattenimento televisivo non sia in fermento, soprattutto da qualche anno a questa parte. Con l’esplosione dei servizi di streaming, in particolare Netflix e Amazon Prime Video, gli spettatori hanno profondamente modificato il modo con cui accedono a show e film, diventando protagonisti dei loro palinsesti. Una tendenza che starebbe andando a detrimento non solo dei media televisivi generalisti, ma anche e soprattutto delle pay-tv e dei servizi via cavo, sempre meno convenienti per gli spettatori. Tim Cook ritiene che questo processo diverrà sempre più inevitabile, tanto da attendersi un’accelerata nel corso del 2019:

Vediamo grandi cambiamenti nel comportamento degli utenti e crediamo che questa tendenza subirà un’accelerazione nel corso dell’anno, con l’abbattimento dei tradizionali bundle via cavo.

Sebbene Cook non abbia svelato ancora dettagli, in questo funerale della pay TV il gruppo di Cupertino non rimarrà di certo a guardare. È di pochi giorni fa, ad esempio, la notizia del possibile lancio della piattaforma di streaming di Apple per la metà di aprile: da mesi, ormai, la società ha commissionato la produzione di numerose serie TV e ha stretto anche delle proficue partnership, come quella con Oprah Winfrey.

Parteciperemo in molti modi. Uno di questi è attraverso Apple TV, un prodotto che conoscete già bene. Il secondo è con AirPlay 2, di cui abbiamo già il supporto su diversi televisori di terze parti. […] Un altro modo è, sicuramente, la sottoscrizione ai servizi video di terze parti presenti sul nostro store. […] Infine, vi parteciperemo con contenuti originali. Abbiamo firmato una partnership pluriennale con Oprah, ma oggi non sono pronto di estendere questa conversazione oltre questo punto. Abbiamo assunto delle persone fantastiche di cui abbiamo grande fiducia, avremo molto da dirvi prossimamente.

Fonte: 9to5Mac • Immagine: KLH49 via iStock