QR code per la pagina originale

Facebook studia l’opzione per notifiche “spente”

Facebook sta testando la possibilità di scegliere di non vedere le fastidiose notifiche rosse nell'app.

,

Accade praticamente sempre: si entra nell’app di Facebook, si scorre per un po’ la bacheca, per poi notare quelle fastidiosissime notifiche dal colore rosso acceso. Riguardano praticamente tutte le tab, anche i gruppi, video e la sezione marketplace: gli utenti erano soliti vedere queste notifiche se venivano taggati, mentre da tempo sembra ormai che Facebook “illumini” apposta quelle sezioni per aumentare le visite degli utenti, in una sorta di percorso guidato.

Il rosso attira l’attenzione, ma a molti quelle notifiche danno semplicemente fastidio, infatti sono stati creati dagli utenti già decine di video che spiegano metodi per sbarazzarsi di questa funzione. Per questo la compagnia sta testando la possibilità di “spegnere” le notifiche per ogni sezione. I test sono stati riportati dal consulente Matt Navarra su Twitter, ma la stessa cosa era stata detta dell’insider Jane Manchun Wong.

 

Sfortunatamente non tutti possono liberarsi subito di queste notifiche. Facebook ha confermato a TechCrunch che ha iniziato a testare la funzione solo per alcuni utenti iOS e Android. Per scoprire se si fa parte del test, basta recarsi su “Impostazioni e privacy” della propria app di Facebook, poi “Impostazioni” e quindi scorrere verso il basso fino a “Notifiche”. Nelle impostazioni potrebbe apparire un menu di attivazione in cui si può scegliere quale tipo di notifica non si vuole più vedere.

I badge di notifica sono solo uno dei tanti modi in cui Facebook mantiene gli utenti legati alla piattaforma. Possono sembrare piccole modifiche di design, ma invece svolgono un ruolo enorme nel modo in cui gli utenti trascorrono il loro tempo sul sito. Una notifica di colore rosso brillante può facilmente attirare verso un video che normalmente non si guarderebbe, o che magari porta a leggere un post da un gruppo di Facebook che si frequenta raramente.

Fonte: TechCrunch • Immagine: Pixjumbo