QR code per la pagina originale

Apple progetta un Mac per il gaming?

Apple starebbe pensando al suo primo Mac dedicato all'universo del gaming professionale, da lanciare in occasione della WWDC 2020: i dettagli.

,

Apple potrebbe essere interessata a entrare seriamente nel settore del gaming su desktop, dopo anni alla rincorsa di altri produttori. Secondo quanto riferito da Patently Apple e Digital Trends, il gruppo californiano starebbe infatti pensando di lanciare un Mac da gioco, da presentare alla WWDC 2020. In particolare, la società potrebbe entrare nel mondo del gaming a livello professionale, ad esempio puntando sul mercato degli e-sport.

Secondo quanto riferito, Apple non starebbe pensando a un progetto consumer per la sua prima macchina da gaming, considerando come la base di questo prodotto potrebbe essere il recente Mac Pro. Un’eredità, quella del desktop professionale, che si rifletterà anche sul prezzo: si parla già di un modello offerto a partire da 5.000 dollari.

Così come già riferito, il nuovo Mac per il gaming dovrebbe approfittare di una presentazione nel corso della WWDC 2020, un appuntamento che avviene tradizionalmente nel mese di giugno. Apple starebbe pensando a un dispositivo modulare, proprio come Mac Pro, affinché i gamer – in particolare nel mondo degli e-sport – possano configurarlo come meglio preferiscono.

L’hardware, peraltro, potrebbe essere molto simile a quello di Mac Pro, con delle componenti diversificate proprio per garantire un gioco veloce e scattante. Al momento, però, non è dato sapere quale soluzione grafica il gruppo di Cupertino potrebbe offrire agli utenti. I nuovi Mac sono praticamente vincolati a soluzioni AMD, considerando come non esistano driver NVIDIA della serie RTX per macOS Catalina. Tuttavia, le proposte NVIDIA sono molto amate proprio dai videogiocatori e Apple, in caso avesse seriamente intenzione di entrare in questo settore, non potrà ignorare il marchio ancora a lungo.

L’indiscrezione, in ogni caso, va presa con le dovute pinze, considerando come non provenga direttamente da Cupertino né si avvisino movimenti dai fornitori in questo senso. Non resta che attendere nuovi dettagli, probabilmente in dirittura d’arrivo nei prossimi mesi.