QR code per la pagina originale

Coronavirus, Google riaprirà gli uffici a settembre 2021

Google permetterà ai dipendenti di tornare negli uffici a settembre 2021, vista la minaccia ancora presente del nuovo coronavirus.

,

Google ha deciso di rinviare il rientro in ufficio alla luce della pandemia da nuovo coronavirus, e sta pianificando un cambiamento al metodo di lavoro una volta che le persone torneranno in azienda. Stando a quanto riportato dal New York Times, attraverso un’e-mail Sundar Pichai ha indicato che la società non solo rinvierà la riapertura a settembre 2021, ma sperimenterà una “settimana lavorativa flessibile” quando ricomincerà il lavoro negli uffici. Il personale, in sostanza, dovrebbe recarsi sul posto di lavoro tre giorni a settimana, ma potrebbe stare in smart working il resto delle volte.

L’azienda vuole testare una teoria secondo cui un lavoro più flessibile porterebbe a migliore “produttività, cooperazione e benessere”, secondo quanto detto da Pichai. Nell’email, Google si vantava del fatto che nessun’altra azienda delle sue dimensioni avesse sperimentato prima un modello di lavoro “ibrido” come questo. La tempistica esatta per gli orari flessibili non è chiara a causa dell’imprevedibilità del nuovo coronavirus, e potrebbe non essere applicabile a coloro che devono interagire direttamente con i clienti.

Google ha più volte rimandato la sua riapertura degli uffici: era ottimista riguardo a un possibile ritorno alla normalità già nel luglio 2020, ma per via della situazione ha dovuto poi posticiparlo a settembre, poi a gennaio 2021 e più recentemente a luglio 2021. La nuova finestra temporale stabilita offre diversi mesi alla società per riorganizzarsi e valutare bene il nuovo modello di lavoro, considerando anche il fatto che molti dipendenti potrebbero già aver ricevuto il vaccino per allora.

A proposito di BigG, il 14 dicembre i principali servizi hanno registrato un down di due ore, causando molti disagi.

Video:Vermeer arriva su Smartphone