Bonus bollette Luce e Gas: occhio alle truffe delle false mail del MISE

Decine di mail false su aiuti per Luce e Gas del Ministero dello Sviluppo Economico nascondono in realtà un pericolosissimo malware.

I cybercriminali sono sempre pronti e all’erta per sfruttare ogni situazione utile pur di mettere in piedi qualche truffa, anche delle più becere, nei confronti di ignare vittime. Non a caso continuano settimanalmente a mietere vittime nel nostro Paese per mezzo di campagne mirate che sfruttano temi differenti ma sempre attuali. Con i continui aumenti di luce e gas, per esempio, per loro si è aperto un altro spazio entro il quale fiondarsi per realizzare degli attacchi informatici ad hoc. Ecco come.

Bonus bollette 2022, occhio alle truffe

Facendo quindi leva sulle difficoltà che tutti i cittadini e le imprese italiane stanno affrontando in questo periodo, un gruppo di hacker ha infatti iniziato a diffondere una falsa mail del MISE, il Ministero dello Sviluppo Economico, che in realtà contiene il pericoloso trojan bancario Ursnif/Gozi. Gli autori di queste mail truffa promettono aiuti economici per le spese energetiche, invitando il ricevente a cliccare su un link che in teoria dovrebbe ricondurlo al sito del Ministero oppure a scaricare un allegato col modulo di presentazione della richiesta di contributo.

In entrambi i casi  è ovviamente tutto falso: cliccando sul link o aprendo il file allegato nella mail, l’utente non fa altro che permettere al trojan bancario denominato Ursnif/Gozi di impossessarsi del dispositivo.

L’obiettivo dei criminali è quello di trafugare informazioni personali, dati bancari, credenziali di accesso a servizi sensibili, intercettare traffico di rete e, dulcis in fundo, scaricare altri malware pericolosi. Quindi fate molta attenzione e come sempre evitate di cliccare su link presenti all’interno di mail di dubbia provenienza, o di scaricare file sconosciuti in allegato. Soprattutto, ricordatevi che per l’accesso agli aiuti economici reali su gas e luce non serve fare nessuna domanda. Dallo scorso anno, infatti, lo sconto è riconosciuto in automatico dall’ARERA sulla base dei dati delle DSU presenti nella banca dati INPS.

hacker

Quindi, a prescindere da tutto, non esiste che il MISE o qualche ente governativo possa mandare ai cittadini mail con tanto di link da cliccare per accettare o meno le richieste. Ricordiamo che in queste ore il governo è intervenuto per le famiglie con l’approvazione dell’estensione del bonus energia, che permette di ricevere bollette con un prezzo calmierato. Si tratta di allargare tale bonus a 5,2 milioni di famiglie (invece che 4 milioni) attraverso il rialzo del tetto Isee stabilito da 8 mila a 12 mila euro.

 

Ti potrebbe interessare