QR code per la pagina originale

Zite ora anche su iPhone

Dopo il buon successo ottenuto su iPad, il magazine personalizzabile Zite sbarca anche su iPhone.

,

iPad è senza dubbio un device molto utilizzato per la lettura di periodici telematici o siti web. Ora però anche il fratellino iPhone può essere utilizzato per sfogliare digitalmente le riviste. Zite, la rivista personalizzabile in base agli elementi condivisi sui social network come Facebook e Twitter, è ora supportata anche dallo smartphone Apple, un paio di giorni dopo il suo diretto concorrente Flipboard. In precedenza, entrambe le applicazioni erano esclusiva iPad.

Gli utenti iPhone reclamavano a gran voce un’applicazione come Zite, ha dichiarato il CEO Mark Johnosn. Per quanto concerne le caratteristiche, la versione iPhone è molto simile a quella per iPad, anche se presenta alcune modifiche, come un sistema di scorrimento per categorie. Zite fornisce a ciascun utente dei contenuti che vengono filtrati in base ai suoi principali interessi, alla pertinenza degli argomenti e alla prossimità sul grafico sociale di Twitter; ovviamente i fruitori possono disporre dei mezzi per regolare e modificare questi filtri a loro piacimento.

Johnson ha dichiarato che gli utenti di Zite su iPad preferiscono leggere i contenuti da fonti diverse piuttosto che fossilizzarsi su quella maggiormente famosa. «La nostra casa editrice ottiene meno del 2% dal totale dei click, e la curva dei click è molto piatta», ha dichiarato lo stesso Johnson, aggiungendo che i picchi d’utilizzo finora sono stati durante le notti o i weekend. Con l’ingresso dell’iPhone, però, il trend potrebbe cambiare in favore di una curva d’utilizzo decisamente più flessibile.

L’azienda Zite è stata acquisita tre mesi fa dall’emittente televisiva statunitense CNN, ma continua ad essere sviluppato in maniera del tutto indipendente, con la società madre impegnata solamente a prendersi cura della faccende operative. Johnson ha infatti ammesso che la CNN non ha ancora messo alcuna pressione.

Fonte: All ThingsD • Via: The next web • Notizie su: ,