QR code per la pagina originale

Dati Gartner: PC in calo, cresce Apple

I dati Gartner parlano chiaro: l'industria PC cala di quasi il sei percento rispetto lo scorso anno. In crescita Apple e i produttori orientali.

,

L’industria dei PC è in declino e non lo si scopre certo oggi. Tra il diffondersi sempre più accentuato di dispositivi come smartphone e tablet, combinati ai recenti disastri in Thailandia che hanno messo in ginocchio direttamente l’industria dei produttori di componenti per PC, come anticipato da Microsoft, il quarto trimestre del 2011 è stato deludente per le vendite dei personal computer. Secondo quanto riporta Gartner, è stata registrata una flessione del 5,9% rispetto lo stesso periodo preso in considerazione lo scorso anno. Eppure, cresce in maniera netta Apple con il 20,7% di incremento.

Il colosso della mela morsicata diventa così il terzo produttore di computer negli Stati Uniti grazie a questo risultato. Con 2.074.800 unità spedite nell’ultimo trimestre dello scorso anno, Apple è stata battuta solo da due mostri sacri come HP (più di 4 milioni e cento mila) e Dell (poco più di 4 milioni), entrambe comunque in calo rispetto il 2010. Per HP è stata registrata addirittura una flessione del 26,1% per molti versi causa e conseguenza al tempo stesso del disordine strategico che l’azienda ha vissuto negli ultimi mesi.

Per quanto concerne invece i dati mondiali, HP ha mantenuto la prima posizione con più di 14 milioni di unità spedite. Ma anche in questo caso è stato registrato un calo netto, seppur di minor entità, pari al 16,2%. Cresce con forza la quota di mercato del produttore cinese Lenovo, in seconda posizione con quasi 13 milioni di unità, un aumento del 23% dal 2010. Bene anche Dell (incremento del 7,8 percento) e Asus (crescita del 20,5 percento).

Crescite confermate per Lenovo, Dell e Asus se si prende in considerazione il computo totale del 2011 in tutto il mondo. Anche in questo caso HP è in testa e con una percentuale in flessione decisamente meno netta rispetto a quanto accaduto nell’ultimo periodo, visto che è pari “solo” al 3,5%.

Il CES 2012 ha portato sotto gli occhi degli utenti soprattutto tv, tablet e smartphone: in un momento di difficoltà tanto consistente, per l’industria dei pc non è questo un buon segnale.

Fonte: Techcrunch • Notizie su: