QR code per la pagina originale

Alphabet: L è per Life Sciences

Sergey Brin ha annunciato che Life Sciences, finora divisione di Google X, diventerà un'azienda separata (sussidiaria di Alphabet), guidata da Andy Conrad.

,

Alphabet è la nuova holding creata da Sergey Brin e Larry Page che include Google stessa e altre sussidiarie. Nella “collezione di aziende” è presente anche Life Sciences, che quindi diventa una società standalone. Prima della ristrutturazione aziendale, Life Sciences era una divisione di Google X. Brin ha annunciato su Google+ che il nuovo CEO è Andy Conrad, responsabile dei progetti scientifici del gruppo, tra cui le lenti a contatto e il dispositivo per il monitoraggio dei livelli di glucosio nel sangue.

Il progetto delle “smart contact lens” è stato avviato circa tre anni fa nei laboratori di Google X, ma il primo prototipo è stato presentato pubblicamente a gennaio 2014. Come sottolineato da Sergey Brin, la realizzazione delle lenti a contatto per diabetici ha richiesto il superamento di numerosi ostacoli. Sono stati ottenuti importanti progressi, ma è ancora presto per offrire agli utenti un prodotto finito e affidabile (Norvatis ha acquisito le licenze per la sperimentazione). Lo stesso dispositivo medico potrà essere usato come lente correttiva dinamica per la vista.

Le lenti a contatto morbide integrano un microscopico sensore che rileva i livelli di zuccheri nelle lacrime. L’alimentazione e la trasmissione dei dati verso un dispositivo mobile viene ottenuta mediante la tecnologia RFID e un’antenna wireless più piccola di un capello umano. I piani prevedono l’uso di un LED che indica se i valori sono inferiori o superiori ad una determinata soglia, ma occorre trovare nuovi materiali perché i LED contengono metalli tossici, come l’arsenico.

La nuova azienda Life Sciences, guidata da Andy Conrad, proseguirà dunque le ricerche su questo progetto e su altri già avviati con l’obiettivo di sviluppare nuove tecnologie avveniristiche e offrire alle persone un’assistenza sanitaria proattiva.

Fonte: Sergey Brin (Google+) • Notizie su: ,