Provati in anteprima i nuovi Intel Core i9

Manca ancora qualche mesetto prima del lancio ufficiale dei nuovi processori Intel Core i9, che giungeranno nei negozi all’inizio dell’anno prossimo.Tuttavia, la nuova linea di CPU di Intel è stata provata in anteprima da PC Lab, che ha rivelato se e quanto i benefici promessi dalla casa californiana sono reali nell’uso di tutti i giorni.E

Manca ancora qualche mesetto prima del lancio ufficiale dei nuovi processori Intel Core i9, che giungeranno nei negozi all’inizio dell’anno prossimo.

Tuttavia, la nuova linea di CPU di Intel è stata provata in anteprima da PC Lab, che ha rivelato se e quanto i benefici promessi dalla casa californiana sono reali nell’uso di tutti i giorni.

E a quanto pare, il miglioramento delle prestazioni si sente tutto. I nuovi prodotti della piattaforma Gulftown, costruiti con processo produttivo a 32 nanometri e passati da quattro a sei core, garantiscono un sensibile incremento nella velocità di esecuzione di quelle applicazioni che sfruttano adeguatamente sistemi multiprocessori.

I vantaggi infatti si fanno meno sensibili, per non dire quasi nulli, nell’esecuzione di applicazioni che utilizzano un solo core, mentre in situazioni come la codifica di un video o in applicazioni per la grafica 3D, secondo la prova di PC Lab, il guadagno in prestazioni di un Core i9 a 2,8 GHz è del 50% rispetto ad processore della linea Core i7 che lavora alla stessa frequenza.

Il processore utilizzato per la prova, va precisato, era un prototipo e quindi potrebbe differire dai prodotti che arriveranno sugli scaffali dei negozi. Nonostante questo però i nuovi Core i9 sembrano uscire bene dal test e dovrebbero quindi garantire ottime prestazioni una volta giunti sul mercato, un mercato che li vedrà riservati, almeno inizialmente, a sistemi di fascia alta.

Ti potrebbe interessare
Usava Facebook per adescare le proprie vittime, condannato a 15 anni
Web e Social

Usava Facebook per adescare le proprie vittime, condannato a 15 anni

Aveva creato un falso profilo su Facebook fingendosi una teenager con lo scopo di attirare l’attenzione di ragazzini ai quali aveva richiesto l’invio di foto e video osé. Finendo poi per chiedere prestazioni sessuali da alcuni di essi con la minaccia di diffondere su Internet il materiale compromettente.La vicenda si è svolta tra la primavera

Google, porte aperte all’open source
Software e App

Google, porte aperte all’open source

Google si apre all’open source e apre agli sviluppatori la possibilità di creare progetti plasmati sul codice del motore di ricerca. I progetti saranno rilasciati sotto licenza BSD 2.0 e sfruttando la piattaforma Sourceforge.