QR code per la pagina originale

Google Assistant si rifà il look

Google ha effettuato nel restyling del suo assistente, andando incontro alle esigenze di chi preferisce comandi touch a quelli vocali.

,

Google cambia look al suo Assistant, al fine di andare sempre più incontro alle esigenze dei suoi utenti. La rivisitazione visiva dell’assistente, che fino a questo momento si concentrava principalmente sui comandi vocali, dà spazio agli elementi visivi per facilitare i controlli touch. BigG sa, difatti, che il suo pubblico predilige in buona parte interagire con il telefono usando le dita, e il restyling serve proprio a facilitare la combinazione voce-tocco con l’aggiunta di immagini più grandi che favoriscono il colpo d’occhio.

Inoltre, viene dato rilievo a elementi grafici che consentono di controllare i dispositivi smart home, come uno slider per regolare l’intensità delle luci di casa, o come quello per gestire il volume degli speaker. Anche nei casi in cui Google Assistant offriva già un riscontro visivo, tipo quando veniva chiesto il meteo, il team ha realizzato un nuovo design più in linea con ciò che è già offerto da smart display Lenovo e LG (sebbene su smartphone l’esperienza non renda bene come sugli schermi più grandi).

Su Android è inoltre più facile controllare il riepilogo della propria giornata. Basta infatti uno swipe verso l’alto, dopo aver aperto l’assistente, per avere informazioni personalizzate in base all’orario – funzione già presente, ma nascosta dietro un’icona piuttosto strana che sicuramente molti utenti ignoravano.

Non finisce qui: adesso le Actions on Google (che permettono agli sviluppatori di terze parti di creare applicazioni specifiche per l’Assistente Google) possono offrire sottoscrizioni e altri servizi a pagamento, tramite acquisti in-app. Notizia niente male per gli sviluppatori.

Insomma, c’è un Google Assistant  tutto nuovo – o quasi – che offre più funzionalità e controlli intuitivi, una bella notizia per coloro che ne fanno uso giornalmente.

Fonte: Tech Crunch • Immagine: Pixabay