James Bond guiderà un’auto elettrica

I tempi cambiano e anche James Bond si converte alle auto elettriche; 007 salirà a bordo della nuova sportiva Aston Martin Rapide E.

Chi conosce i film di James Bond si ricorda benissimo delle molte scene d’azione che coinvolgono la spia più famosa di sempre a bordo di macchine sportive. Sembra che anche James Bond si dovrà adattare ai tempi moderni ed aggiornarsi per abbracciare le auto elettriche.

Nel prossimo film, 007 salirà a bordo della nuova Aston Martin Rapide E, la prima auto elettrica della casa automobilistica inglese. Un modello assolutamente reale che sarà prodotto in soli 155 esemplari con le prime consegne previste per la fine del 2019. Si tratta di un’auto comunque estremamente sportiva. Aston Martin Rapide E disporrà di due propulsore elettrici, uno per asse, in grado di erogare complessivamente 600 cavalli e 950 Nm di coppia. Tutta questa potenza permetterà di spingere l’auto da zero a 60 miglia orarie in meno di 4 secondi. La velocità massima raggiunge le 155 miglia orarie (250 Km/h).

Prestazioni decisamente degne di James Bond. Aston Martin Rapide E adotta un pacco batteria agli ioni di litio composto da celle cilindriche in formato 18650 con una capacità massima di 65 kWh in grado di garantire un’autonomia sino a 320 Km nel ciclo di omologazione WLTP. Pacco batteria che grazie all’architettura da 800V sarà in grado di poter essere ricaricato ad oltre 100 kW di potenza per poter rifornire di energia l’auto in tempi ragionevolmente brevi.

Curiosamente, sembra che l’idea di dotare James Bond di un’auto elettrica sia arrivata dal regista Cary Joji Fukunaga che nel tempo non ha mai nascosto le sue posizioni green. L’idea sarebbe stata poi approvata dalla produzione e dallo stesso Daniel Craig, che continuerà ad essere il volto della spia più famosa del mondo.

La scelta di portare l’Aston Martin Rapide E all’interno del film di James Bond è il chiaro segnale che i tempi stanno cambiando e che la mobilità elettrica è oramai una realtà consolidata.

Ti potrebbe interessare
2011: anno di rincari per l’ADSL italiana
Prezzi e tariffe

2011: anno di rincari per l’ADSL italiana

Righe che purtroppo non avrei voluto mai scrivere, ma è oramai un dato di fatto che il 2011 porterà consistenti rincari sugli abbonamenti ADSL nostrani, soprattutto per i vecchi clienti che non possono usufruire delle aggressive promozioni offerte ogni mese dai vari provider italiani.Dopo aver anticipato i rincari di Tiscali e Infostrada causati dall’aumento del

Dalla prima lettera di Steve Jobs ad Adobe
Software e App

Dalla prima lettera di Steve Jobs ad Adobe

Flash non è aperto. Adobe è lenta nello sviluppo. Le piattaforme di terze parti abbassano il livello qualitativo delle applicazioni. Flash non è sicuro. Flash consuma troppe risorse. Il Web non ha bisogno di Flash. Apple non ha bisogno di Adobe

IBM diventa low cost per l’Africa
Software e App

IBM diventa low cost per l’Africa

IBM ha da poco presentato Client for Smart Work, una nuova suite di applicativi basata su Ubuntu e progettata per sfruttare al meglio le soluzioni hardware dei netbook. L’insieme di applicativi per le aziende sarà distribuito sul mercato africano