QR code per la pagina originale

Il nuovo MacBook Pro 16 costerà 3.000 dollari?

Emergono le prime indiscrezioni sui prezzi del MacBook Pro da 16 pollici, in arrivo nel mese di ottobre: potrebbe infatti costare fino a 3000 dollari.

,

Emergono nuove indiscrezioni sul futuro MacBook Pro da 16 pollici, il laptop che Apple avrebbe intenzione di lanciare nel mese di ottobre, così come annunciato da alcune testate asiatiche negli ultimi giorni. Oltre ad alcune caratteristiche tecniche, alcune delle quali già note, appaiono online i primi dettagli sul prezzo: il laptop costerà ben 3.000 dollari?

Così come già accennato negli scorsi giorni, il nuovo MacBook Pro da 16 pollici – per l’esattezza 16.4 – vedrà un pannello Reina di risoluzione 3.072×1.920 pixel. Sarà probabilmente assemblato da Quanta e Foxconn e dovrebbe incorporare tecnologie video di punta, quindi come un pannello TrueTone e forse la piena compatibilità con lo standard HDR.

Secondo quanto reso noto da un report di UDN, ripreso da AppleInsider, il prezzo del dispositivo potrebbe essere decisamente elevato – circa 3.000 dollari – una scelta di listino che dipenderebbe tuttavia dalle caratteristiche hardware incluse nel device. Potrebbe infatti differenziarsi fortemente dagli esemplari da 13 e 15 pollici, non tanto nel design, ma quanto nelle capacità di calcolo. Sul fronte estetico, si parla da tempo dell’introduzione di schermi dalle cornici maggiormente ridotte, simili alla linea degli iPad Pro, sebbene dalle parti di Apple Park non sia giunta alcuna notizia in merito.

Il nuovo MacBook Pro da 16 pollici nasce ovviamente per rincorrere i nostalgici del laptop da 17 pollici, eliminato dalla linea di Cupertino qualche anno fa, soprattutto fra i professionisti: per designer, fotografi, videomaker e molti altri, infatti, potrebbe rappresentare un’ottima alternativa da affiancare al desktop in studio, come un Mac Pro.

Così come già accennato, il dispositivo potrebbe essere presentato nel mese di ottobre, durante un evento speciale. Il keynote in questione sarà probabilmente previsto a circa un mese di distanza dal lancio dei nuovi iPhone e sarà concomitante con la release finale del neonato macOS Catalina.