QR code per la pagina originale

Live Caption anche su Google Pixel 3 e Pixel 3a

La funzionalità di trascrizione in tempo reale (Live Caption) disponibile sui Pixel 4 arriverà anche sui Pixel 3/3a e su smartphone di altri produttori.

,

Live Caption non sarà un’esclusiva dei nuovi Pixel 4. Google ha ora comunicato che la funzionalità arriverà anche sui Pixel 3 e Pixel 3a entro fine anno mediante un aggiornamento software. L’azienda di Mountain View ha spiegato la sua utilità con un posto sul blog ufficiale.

Google ha sviluppato vari servizi di accessibilità per utenti con disabilità uditive, visive e motorie. Tra quelli dedicati a persone con problemi di udito ci sono Sound Amplifier (Amplificatore in italiano) e Live Transcribe (Trascrizione istantanea in italiano), entrambi disponibili sotto forma di app per Android. Con i Pixel 4 è stata introdotta la funzionalità Live Caption, annunciata durante il Google I/O 2019, che sfrutta l’intelligenza artificiale e la tecnologia di riconoscimento vocale per mostrare sullo schermo una trascrizione testuale.

Non si tratta di semplici sottotitoli, ma delle esatte parole pronunciate in video, podcast o messaggi audio (non funziona per chiamate e video chiamate). La visualizzazione avviene in tempo reale, ovvero durante la riproduzione del contenuto multimediale. È sufficiente attivare la funzionalità tenendo premuto il pulsante del volume e toccando l’icona corrispondente, come si vede nel video.

Il “caption box” può essere spostato in qualsiasi parte dello schermo, mentre con un doppio tap si può espandere il box per vedere più testo. Uno swipe verso il basso nasconde il box e disattiva la funzionalità. Tutti i calcoli sono effettuati sullo smartphone, quindi non viene inviato nulla ai server di Google e non occorre una connessione Internet.

Oltre che alle persone con problemi di udito, Live Caption è utile anche quando l’utente si trova in un ambiente rumoroso o non può aumentare il volume. Al momento è supportato solo l’inglese, ma altre lingue verranno aggiunte in futuro. Google ha promesso di migliorare la tecnologia e di renderla disponibile anche per i dispositivi di altri produttori.