QR code per la pagina originale

Fitbit ora segna ossigeno nel sangue su smartwatch

I dispositivi indossabili di Fitbit ora possono monitorare l'ossigenazione sanguigna grazie a una nuova funzionalità.

,

Fitbit ha finalmente attivato la sua funzione di monitoraggio dell’ossigeno nel sangue sui suoi dispositivi indossabili Versa, Versa Lite, Versa 2, Ionic e Charge 3. Erano anni che gli utenti stavano aspettando la funzione e ora la società ha finalmente confermato la sua integrazione.

Nonostante sia sempre Apple a detenere il monopolio del mercato degli smartwatch grazie al suo Apple Watch, Fitbit (che Google ha acquistato lo scorso anno) vuole far sentire la sua presenza nel settore in diversi modi e l’interessante funzione di monitoraggio della saturazione emoglobinica arteriosa ne è un esempio.

  • È possibile acquistare Apple Watch Series 5 su Amazon a 430,99 euro

Nelle scorse ore, gli utenti Fitbit negli Stati Uniti hanno iniziato a vedere i dati relativi alla saturazione dell’ossigeno nel sangue all’interno dell’app, secondo quanto riportato da Tizenhelp. La società ha confermato poco dopo che il rollout è in corso. I sensori sul retro dei dispositivi forniscono agli utenti una stima della variabilità dei livelli di ossigeno nel flusso sanguigno. Queste informazioni sono utili per rilevare le variazioni della respirazione durante il sonno e potrebbero essere importanti per individuare un’apnea notturna.

Apple ha dei brevetti per il monitoraggio dell’ossigeno nel sangue, ma non ha ancora attivato tale funzione in nessun dispositivo. La società francese Withings, che si incentra sulla tecnologia sanitaria, ha recentemente presentato il suo nuovo ScanWatch, un orologio intelligente che presenta anche funzionalità di monitoraggio simili. Tuttavia, manca l’autorizzazione FDA e la società deve ancora annunciare quando lo smartwatch sarà disponibile per l’acquisto.

Google ha annunciato l’acquisizione di Fitbit per 2,1 miliardi di dollari all’inizio di novembre scorso. Quasi sicuramente sui futuri dispositivi verrà installato Wear OS, ma fino ad allora l’azienda di San Francisco continuerà a supportare il suo sistema operativo.