L’Ucraina chiede ad Apple di limitare gli affari in Russia

Il vice ministro dell’Ucraina ha appena chiesto al CEO di Apple Tim Cook di sospendere le vendite in Russia e di bloccare l’App Store russo.

L’Ucraina chiede ad Apple di interrompere le vendite di prodotti e bloccare l’accesso all’App Store in Russia. Di fatto, il vice primo ministro ucraino Mykhailo Fedorov ha scritto pochi giorni una lettera al CEO Tim Cook chiedendo all’azienda di interrompere le vendite di dispositivi e bloccare l’accesso allo store di applicazioni sul territorio.

L’Ucraina vuole il supporto di tutti, anche di Apple

Nella lettera, Fedorov afferma di chiedere il supporto di Apple per interrompere la fornitura di servizi e prodotti della mela agli utenti in Russia durante l’invasione russa dell’Ucraina.

Mi rivolgo a te e sono sicuro che non solo ascolterai, ma farai anche tutto il possibile per proteggere l’Ucraina, l’Europa e, infine, l’intero mondo democratico dalla sanguinosa aggressione autoritaria – per interrompere la fornitura di servizi e prodotti Apple alla Federazione Russa, compresi blocco dell’accesso all’App Store!

Siamo sicuri che tali azioni motiveranno i giovani e la popolazione attiva della Russia a fermare in modo proattivo la vergognosa aggressione militare.

Apple ha un sito Web dedicato in Russia dove vende iPhone, Mac e altri dispositivi, oltre a disporre di un ‌App Store‌ russo. Gli Stati Uniti hanno già implementato sanzioni che impediscono alle aziende di esportare prodotti selezionati nel territorio di Putin, ma la mela potrebbe non essere interessata poiché la società non ha interrotto le vendite in questo momento.

Ieri pomeriggio, il CEO ‌Tim Cook‌ ha affermato di essere “profondamente preoccupato” per la situazione in Ucraina e che Apple “sosterrà gli sforzi umanitari locali”.

Mentre ‌App Store‌ è operativo in Russia in questo momento, le sanzioni contro le banche hanno interferito con Apple Pay. Secondo Business Insider, cinque grandi banche russe non sono più in grado di utilizzare i servizi ‌Apple Pay‌ o Google Pay.

Ti potrebbe interessare