QR code per la pagina originale

Microsoft, me lo compri?

,

La notizia dell’offerta pubblica d’acquisto multimiliardaria lanciata da Microsoft su Yahoo! ha naturalmente fatto il giro del mondo. In ambienti informatici e finanziari non si parla praticamente d’altro, del resto l’acquisizione potrebbe essere la notizia più importante per l’intero settore di tutto il 2008, salvo al sultano del Brunei non venga lo sghiribizzo di comprare a sua volta Microsoft, ipotesi che tenderei a scartare.

L’operazione finanziaria su Yahoo! è comunque l’ultima di una lunghissima serie di acquisizioni, che – soprattutto negli anni del boom della New Economy – crearono una particolare visione di Microsoft, riassumibile nel celebre: “comprateli prima che diventino concorrenti“. Grazie alla onnipresente Wikipedia, ripercorriamo molto velocemente la lista della spesa di Redmond.

La prima acquisizione del gruppo risale a più di venti anni fa. Era il 1986 quando per la cifra di un milione e mezzo di dollari Microsoft acquisiva Dynamical System Research, una società molto promettente specializzata nello sviluppo di software multitasking. Sei anni dopo, e alcune acquisizioni, Redmond rilevò l’azienda specializzata in database Fox Software; per la volpe furono necessari 173 milioni di dollari. Ma è nel 1997 che Microsoft inizia a fare davvero scalpore quando, elettrizzata dagli ottimi risultati ottenuti dalla società, decide di acquisire Hotmail. L’operazione finanziaria va regolarmente in porto e, con quasi 400 milioni di dollari, Microsoft si accaparra uno dei più promettenti servizi di posta elettronica sul mercato. Nello stesso anno, la società di Redmond rileva anche WebTV Networks per 425 milioni di dollari e inizia il sogno della televisione sul Web.

Il 1999 è l’anno dei record: Microsoft acquisisce senza sosta ben tredici società. Per VisioCorp, azienda specializzata nella creazione di software per la gestione di diagrammi e disegni tecnici, Redmond sborsa la considerevole cifra di 1,4 miliardi di dollari. Dopo un periodo di relativa “calma”, con una media di quattro acquisizioni all’anno, tra il 2005 e il 2007 Microsoft aumenta sensibilmente la propria campagna acquisti rompendo il record del 1999. Il 2005 termina con 14 acquisizioni, il 2006 con 19 e il 2007 con 15. Ora sembra essere giunto il turno di Yahoo!

La politica spesso spregiudicata di Microsoft non era certo sfuggita agli autori dei Simpson, che nel 1998 produssero questa amara satira sul tycoon Bill Gates…

Notizie su: