QR code per la pagina originale

Le Olimpiadi in streaming su Vista

Con l'aiuto di Wavexpress e Microsoft Silverlight la NBC renderà visibile a chiunque sia dotato di sistema operativo Vista i filmati di ogni evento delle Olimpiadi di Pechino 2008. Una decisione molto forte che da Redmond si spera spinga a passare a Vista

,

L’organizzazione delle Olimpiadi di Pechino 2008, la NBC e Microsoft si sono unite per dare vita ad un’iniziativa al momento senza paragoni: la trasmissione di gran parte dell’evento sportivo cinese in streaming attraverso internet.

Il canale è appunto quello di NBC, la tecnologia è invece Silverlight di Microsoft più un aiuto da Wavexpress per il lato client: tutto insieme si chiamerà NBC Olympics on the Go, un servizio in qualche modo già offerto dal canale statunitense in occasione delle Olimpiadi del 2004 ma in una forma chiaramente meno evoluta e soprattutto non in streaming.

Adesso i filmati potranno essere visti anche in HD (ma dipende sempre dalla qualità della connessione) potendo scegliere il canale in base allo sport a partire da 12 ore dopo che l’evento ha avuto luogo. La cosa più interessante tuttavia è che i video saranno scaricabili e quindi ridistribuibili ma solo per la durata dei giochi.

Il problema però è che i video saranno visibili solo sui sistemi Vista Ultimate e Home Premium, una concessione molto pesante per NBC che comunque farà anche una grande pubblicità sul sito al marchio di MSN. Dunque Microsoft conta di dare così valore a chi è passato a Vista, mostrando che cominciano ad esserci dei servizi cui si può accedere solo con quel sistema e contemporaneamente cerca di spingere al download di Silverlight, che nella sua lotta con Flash ancora ne deve fare di strada.

«Unendoci con Microsoft possiamo fornire un’esperienza incredibile sia al grande fan che all’utente occasionale, combinando il video in alta qualità con la capacità di raccontare per la quale siamo famosi» ha commentato su Ars Technica Gary Zenkel, presidente di NBC Olympics «Abbiamo scelto Silverlight perchè ci aiuta a fornire il tipo di visione di prossima generazione che cambierà il modo in cui milioni di fans guardano le Olimpiadi».